FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, Donald Trump annuncia nuovi dazi alla Cina per 200 miliardi di dollari

Le nuove tariffe scatteranno alla fine di settembre e, senza un accordo, si inaspriranno ulteriormente a partire da gennaio 2019

L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova ondata di dazi su una serie di prodotti "Made in China" per un valore di 200 miliardi di dollari, pari a circa la metà dell'import di tutti i beni cinesi negli Usa. Lo rende noto la Casa Bianca. Le nuove tariffe scatteranno alla fine di settembre e sono fissate al 10% fino alla fine dell'anno, quando aumenteranno al 25%.

Con la nuova stangata sale a 505 miliardi di dollari l'ammontare di prodotti "Made in China" colpiti dai dazi dell'amministrazione Trump. Tra i beni di consumo che saranno interessati dalle nuove tariffe i condizionatori d'aria, le candele di accensione dei motori, il mobilio e le lampade.

Braccio di ferro con Pechino - I dazi del 10% entreranno in vigore il 24 settembre e saliranno al 25% alla fine dell'anno se non sarà raggiunto un accordo commerciale soddisfacente con Pechino. La Cina aveva già annunciato misure di rappresaglia per 60 miliardi di dollari di prodotti "Made in Usa". Una contromisura contro cui Trump ha già minacciato dazi per altri 267 miliardi di dollari. A quel punto vorrebbe dire che ogni prodotto cinese importato in Usa sarebbe tassato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali