FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Un wrestler bulgaro si proclama "cacciatore di migranti": lʼIsis mette una taglia sulla sua testa

I fan acclamano lʼuomo come un eroe. E per ringraziarlo gli hanno regalato una Mercedes da 90mila euro

C'è chi diventa un supereroe dando la caccia ai vampiri, e chi guadagna fama e ricchezze diventando un cacciatore di migranti. E' il caso di Dinko Valev, wrestler bulgaro che si è autoproclamato giustiziere di frontiera, e che ha guadagnato orde di fan pubblicando sul web alcuni video nei quali dà la caccia ai rifugiati siriani che entrano nel suo Paese attraverso il confine turco. Ma l'Isis non gradisce: ora sulla sua testa c'è una taglia.

Dinko Valev, il cacciatore di migranti

I fan ammirano a tal punto il "cacciatore di migranti", che sono riusciti, attraverso una colletta, a regalargli una Mercedes da 90mila euro, che Valev mostra sorridente in diversi post sul suo account Facebook. Se da una parte la sua attività gli ha procurato molti ammiratori, però, dall'altra c'è stato anche chi non ha gradito: l'Isis. Per via della crescente fama del wrestler bulgaro, infatti, lo Stato islamico ha posto sulla sua testa una taglia da 50mila dollari. E ora il cacciatore rischia di diventare una preda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali