FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, Vaticano: "Il Papa può avere ruolo, ci sono spazi"

Il pressing della Santa Sede per terminare la guerra: "Avviare subito i negoziati"

Papa
Ansa

"Il Papa potrebbe ancora continuare a svolgere un ruolo molto significativo in questo conflitto e nella sua risoluzione.

Ci sono spazi". Lo ha detto il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, monsignor Paul Richard Gallagher, in un'intervista a Vatican News al termine della sua missione in Ucraina. "Il presidente Zelensky ha detto che di fronte ad una guerra che continua, alla fine deve essere la diplomazia a risolvere le cose; le parti in conflitto devono arrivare al tavolo per negoziare", ha aggiunto ribadendo ancora una volta la possibilità di un ruolo della Santa Sede.


L'impegno del Papa nella ricerca della pace -

"Non è facile" riportare la pace in Ucraina, ammette la Santa Sede dopo la missione diplomatica a Kiev. Ma è l'unica via percorribile, nella quale il Pontefice potrebbe avere un ruolo fondamentale. Nella sua ultima preghiera del Regina Caeli, 

Papa Francesco

 ha chiesto a Dio di infondere

"lo Spirito della pace ai responsabili delle nazioni"

. Nel frattempo da Cascia, il suo più stretto collaboratore, il cardinale Segretario di Stato vaticano, Pietro

Parolin

, ha espresso l'auspicio che "

siano avviati al più presto i negoziati

e si possa giungere finalmente alla tanto desiderata pace". In questo la Santa Sede resta a disposizione per facilitare il processo.

  

"Il Papa potrebbe ancora continuare a svolgere un ruolo molto significativo in questo conflitto e nella sua risoluzione. Ci sono spazi"

, ha detto il ministro degli esteri vaticano, mons. Paul Richard

Gallagher

, al termine della sua missione in Ucraina.


 


La diplomazia al lavoro -

Secondo Zelensky tocca alla diplomazia risolvere le cose "le parti in conflitto devono arrivare al tavolo per negoziare", riferisce il ministro degli esteri vaticano che ha ribadito la disponibilità di un ruolo della Santa Sede. Lo stesso

Gallagher

, dopo aver visto le ferite sul campo, quelle materiali ma anche i dolori di una nazione che fatica a vedere una via d'uscita, dice che

"l'Ucraina deve difendersi e per fare questo deve ricevere aiuti, anche militari"

. Ma chiede di evitare "una corsa alle armi"; piuttosto "è necessario che l'Ucraina sia inclusa in tutte le iniziative a favore della pace".


 


Focus sui deportati -

Il Vaticano potrebbe in queste ore essere tra gli attori che cercano, nel rispetto del diritto internazionale, un ritorno in territorio ucraino delle persone, civili e militari, che, dopo l'evacuazione dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, sono state deportate in Russia o in territori controllati dai russi.

"Contiamo sulla partecipazione attiva della Santa Sede alla liberazione dei cittadini ucraini deportati dalla Russia e detenuti sul territorio russo"

, aveva auspicato venerdì, dopo l'incontro con Gallagher,

il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba

. E non è forse un caso che, dopo l'incontro con Papa Francesco l'11 maggio, le moglie dei soldati del battaglione Azov siano state nelle ultime ore a Istanbul per chiedere un impegno anche al Patriarca ortodosso Bartolomeo.


 


Dossier Cina -

Oltre all'Ucraina, c'è anche un altro importante dossier estero sul tavolo della Segreteria di Stato vaticana, quello della Cina, soprattutto dopo l'arresto del card. Joseph Zen, poi rilasciato su cauzione. "Seguo con attenzione e partecipazione la vita e le vicende dei fedeli e pastori, spesso complesse", ha detto il Papa alla preghiera del Regina Caeli, auspicando che

"la Chiesa in Cina possa esercitare la sua missione di annuncio del Vangelo a tutti

, offrendo così anche un positivo contributo al progresso spirituale e materiale della società".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali