FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turiste uccise in Marocco, tre condanne a morte e un ergastolo

Concluso a Imlil il processo per il duplice omicidio delle due ragazze scandinave decapitate nel dicembre 2018

Tre condanne a morte e un ergastolo per i 4 principali imputati. Si è concluso così, a Imlil, in Marocco, il processo per il duplice omicidio della 24enne danese Louisa Vesterager Jespersen e della 28enne norvegese Maren Ueland. Le due turiste scandinave erano state uccise e decapitate sulle montagne dell'Alto Atlante nel dicembre 2018. La sentenza è stata emessa da una Corte di Salé, che ha accolto le richieste dell'accusa per gli esecutori materiali.

Tragica vacanza, Louisa e Maren uccise in Marocco

Un delitto che sconvolse l'opinione pubblica - Le due ragazze furono uccise e decapitate mentre facevano campeggio alle pendici del monte Toubkal, a 70 chilometri da Marrakech. Il duplice delitto sconvolse l'opinione pubblica. In Marocco l'ultima esecuzione risale al 1993.

I condannati a morte e l'Isis - Il primo dei condannati, Abdessamad Ejjoud, un venditore ambulante di 25 anni, ha confessato di aver organizzato la spedizione mortale con due compagni, Younes Ouaziyad, un falegname di 27 anni e Rachid Afatti di 33 anni, come ha riferito il sito News Hespress. Abdessamed Ejjoud è anche un presunto capo jihadista. I tre sono accusati di aver agito per conto del gruppo jihadista dello Stato Islamico (Isis).

In totale le condanne sono 24 - Oltre alle tre pene capitali, il processo ha portato a condanne di altri 21 imputati, da cinque anni di reclusione all'ergastolo. Gli imputati hanno età comprese tra i 20 e i 31 anni. A vario titolo tutti sono stati ritenuti complici dei principali indagati (condannati a morte), e cioè di Abdessamad Ejjoud, considerato il cervello della cellula terrorista, autore materiale del delitto di una delle due ragazze, Younes Ouaziyad, che ha ammesso di aver ucciso l'altra studentessa, e Rachid Afatti, che ha filmato la scena.  Abderrahim Khayali, il quarto uomo, l'autista che si è allontanato al momento del delitto, ha ricevuto l'ergastolo.

"Atti terroristici e omicidio premeditato" - I 24 erano tutti accusati di "costituzione di banda per preparare e commettere atti terroristici, omicidio premeditato, possesso d'armi, tentativo di fabbricare esplosivi, nel quadro di un progetto collettivo che voleva portare grave attentato all'ordine pubblico". Tra i colpi di scena del processo, anche la "chiamata in causa della responsabilità di Stato", obbligato ad "assicurare protezione a cittadini e turisti", avanzata dalle parti civili per indennizzare le famiglie delle due vittime.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali