FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turchia, la "sedia negata" alla von der Leyen diventa un caso diplomatico: "Una vergogna" - VIDEO 

Sta facendo discutere il video in cui la presidente della Commissione europea viene prima lasciata in piedi poi fatta sedere su un divano, distante da Erdogan e Michel

L'incidente di protocollo, ribattezzato "sofagate", durante la visita dei leader Ue in Turchia diventa un caso diplomatico. Martedì il presidente turco Erdogan ha prima lasciato in piedi poi fatto accomodare su un divano la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, mentre lui e il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, prendevano posto su due poltrone con le rispettive bandiere alle spalle. "Una vergogna", commenta il Ppe. 

Virale sui social - La scena è stata ripresa in un video diventato virale sui social in cui si sente un mugugno di disappunto da parte di von der Leyen mentre gli altri due si accomodano sulle poltrone. Nella scena successiva si vede la presidente della Commissione Ue seduta su un divano posto alla destra degli interlocutori. 

 

La reazione tutta in un "ehm"... - Delle due più alte cariche europee in visita ad Ankara, dunque, solo una ha trovato posto a sedere a fianco di Erdogan. Von der Leyen, unica donna, è stata, infatti, lasciata in piedi di fronte a loro ed esprime la sua perplessità con un chiaro "ehm" e un gesto del braccio. Dopo qualche momento di indecisione, le è stato offerto di sedersi su un divano più distante, di solito destinato a funzionari di livello più basso, secondo il protocollo. "'Ehm è il nuovo termine per come non dovrebbero essere i rapporti fra Ue e Turchia", ha twittato il rappresentante tedesco del Parlamento europeo Sergey Lagodinsky, nella commissione che si occupa delle relazioni fra i due Paesi. 

 

Ue: "Non si ripeta" - Ursula von der Leyen "chiaramente è rimasta sorpresa, lo si vede nel video, ma ha preferito dare priorità alle questioni di sostanza rispetto al protocollo". Lo ha detto il portavoce della commissione europea Eric Mamer, precisando comunque che la Commissione "si aspetta di essere trattata secondo il protocollo adeguato" e che "saranno presi contatti con tutte le parti coinvolte perché non si ripeta in futuro".

 

Ppe: "Una vergogna" - Meno diplomatico il commento su Twitter del gruppo del Ppe al Parlamento europeo. "Mettiamo le cose in chiaro. Qualcuno dovrebbe vergognarsi a causa della mancanza di un posto adeguato per Ursula von der Leyen nel palazzo di Erdogan. L'Ue ha indicato l'apertura al dialogo, ma siamo fermi sui nostri valori. "Le donne meritano lo stesso riconoscimento dei loro colleghi maschi", ha aggiunto il Ppe.

 

Video conferenza Ue

Il precedente del 2015 - Nel 2015 ci fu un incontro decisamente più informale nella hall di un hotel di Antalya, nel sud della Turchia, a margine del G20 presieduto da Ankara. Ma il precedente della visita congiunta in Turchia dei presidenti di Commissione e Consiglio Ue, il 16 novembre 2015, si svolse secondo un protocollo visibilmente diverso rispetto a quello di martedì. Ad Antalya, infatti, entrambi i leader Ue dell'epoca, Jean-Claude Juncker e Donald Turk, vennero fatti accomodare in due poltrone equidistanti ai lati di Erdogan. Alle spalle la bandiera turca e quella europea. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali