FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Tonga, la Nasa ha calcolato la potenza della mega eruzione: "Come 500 bombe atomiche di Hiroshima"

Tagliate le comunicazioni, serviranno settimane per ripristinare i contatti con il resto del mondo


I ricercatori della Nasa hanno calcolato la potenza dell'eruzione avvenuta sabato 15 gennaio al largo di Tonga come "500 volte più potente della bomba atomica sganciata su Hiroshima". James Garvin, scienziato capo presso il Goddard Space Flight Center della Nasa, ha detto alla radio Npr che "il numero a cui siamo arrivati è attorno ai 10 megaton - 10 milioni di tonnellate - di equivalente in tritolo".

E secondo Michael Poland, del servizio geologico degli Usa, "potrebbe trattarsi dell'esplosione più rumorosa avvenuta sulla terra dal 1883, quando esplose il vulcano Krakatoa in Indonesia". 

 

Eruzione a Tonga, le immagini prima e dopo la mega esplosione: l'impressionante devastazione

E' una situazione di emergenza ancora non sotto controllo quella che sta vivendo l'arcipelago di Tonga dopo la devastante eruzione sottomarina. Le immagini dal satellite, le uniche che arrivano dato che le linee internet sono disabilitate, mostrano un paesaggio devastato se messo a confronto con quello precedente all'eruzione. Ci vorrà almeno un mese per riparare il cavo sottomarino che permette le comunicazioni tra il resto del mondo e l'arcipelago delle Tonga. 

Leggi Tutto Leggi Meno

Reciso il cavo sottomarino, comunicazioni interrotte per almeno un mese - Inoltre serviranno settimane per ripristinare le comunicazioni fra l'arcipelago di Tonga e il resto del mondo a seguito dell'eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Hàapai. L'unico cavo di collegamento in fibra ottica, che corre sulla barriera corallina e anche in mezzo a questa, è stato infatti danneggiato dall'eruzione. Sarà necessario che una nave sollevi il cavo per valutare i danni e poi delle squadre dovranno ripararlo.

 

Unicef: timori per approvvigionamento idrico e qualità aria - I primi rapporti ambientali sulla zona descrivono una notevole diffusione di cenere intorno a Nukùalofa, l'inondazione di aree costiere e danni ad alcune infrastrutture. Lo scrive Unicef in una nota. Mentre i danni all'agricoltura sono inferiori rispetto a quanto si temeva, sono state sollevate preoccupazioni per l'approvvigionamento idrico, la qualità dell'aria e la disponibilità di carburante. Si teme anche l'insorgere di malattie legate all'acqua, dato che le ondate di marea hanno causato l'inondazione di 2-3 isolati nell'entroterra.
 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali