FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tokyo, trova l'indirizzo del suo idolo pop con il riflesso nella sua pupilla e la stalkerizza: arrestato il giovane fan

Lʼincredibile storia ha come vittima una star della musica nipponica. Aggredita e molestata da un 26enne riuscito a localizzare la sua abitazione tramite una foto condivisa dalla cantante via social

 matsuoka ena, stalker giappone

Lei, una cantante pop seguitissima dai giovani in Giappone, ha condiviso sui social una sua foto ad alta risoluzione. Lui, un 26enne fan della star, ha scoperto dove viveva la donna allargando l'immagine della casa riflessa nella pupilla tramite Google Street e poi ha stalkerizzato, pedinato, molestato e perfino aggredito l'idolo pop. Lei, Ena Matsuoka, l'ha subito denunciato e la polizia di Tokyo ha poi arrestato il suo persecutore, Hibiki Sato. 

Aggredita sotto casa - L'aggressione alla donna risale al primo settembre. Matsuoka sta ritornando nella sua casa di Tokyo quando l'uomo la aggrediesce alle spalle. Poi, la trascina  via portandola in un luogo appartato, dove la molesta finché lei riesce a scappare.  La cantante va subito a fare la denuncia all polizia metropolitana di Tokyo, mostrando agli agenti i lividi causati dall'aggressione. Sato viene arrestato il 17 settembre, confessa subito dicendo di essere un grande fan della cantante e racconta poi alla polizia in che modo aveva ottenuto le informazioni sulla sua casa e il suo indirizzo. 

 

Pericoli social - Una storia che ha dell'incredibile e che pone nuovi interrogativi sui rischi che si corrono condividendo informazioni e immagini via social. Il fan di Ena ha infatti incrociato una serie di dettagli carpiti all'account della cantante per risalire al suo indirizzo e per mettere in atto il suo progetto. Secondo i media giapponesi, per individuare l'indirizzo della cantante, Sato ha analizzato con cura altre foto condivise da lei sui social, come il suo appartamento. Ed è così arrivato a scovare la sua abitazione. A quel punto ha potuto mettere in atto il suo piano, con appostamenti e molestie. 

 

Il Tokyo Shmbun, un quotidiano della capitale giapponese che si è occupato del caso, avverte che anche semplici selfie postati per caso potrebbero mostrare palassi circostanti, permettendo a eventuali molestatori di identificare la località in cui vivono le loro potenziali vittime.. E mette in guardia perfino dal fare il segno della vittoria con la mano nelle foto, perché le impornte digitali potrebbero essere rubate.  

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali