FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terza notte di proteste anti-Trump: un ferito a Portland, 200 arresti a Los Angeles, maximarcia a New York

Strade bloccate, tafferugli in Oregon, lunghe marce in cui il leit motiv è sempre lo stesso: "Not my president"

Terza notte consecutiva di proteste contro Donald Trump presidente negli Stati Uniti. Marce e sit-in sono stati organizzati in varie città americane, da Miami a Filadelfia, da Columbus a New York, nei pressi della Trump Tower, dove abita il tycoon. In alcuni casi i manifestanti hanno bloccato temporaneamente alcune strade, mentre a Los Angeles la polizia ha arrestato 200 persone. Lo slogan è sempre lo stesso: "Not my president". Tafferugli a Portland: un ferito.

"Not my president", in piazza contro Donald Trump

Una nuova notte di proteste ha acceso le strade di molte delle più importanti città degli Stati Uniti.

leggi tutto

Marcia a Los Angeles, 200 arresti - Circa 200 persone sono state arrestate a Los Angeles, dove a marciare fino alla City Hall sono state 3000 persone, molte con bandiere americane o cartelli con la scritta "Not my president".

Maxi protesta a New York - Oltre 10mila persone hanno firmato una petizione per una maxi-protesta contro l'elezione di Donald Trump a presidente Usa, a New York, dove a migliaia sono scesi in piazza per una marcia tra Union Square e la Trump Tower, residenza del magnate. Lo riferiscono i media americani. "Unitevi a noi per le strade! Fermate Trump e la sua agenda bigotta", si legge nel messaggio postato dagli organizzatori su Facebook. La maxi protesta si snoderà da Union Square fino alla Trump Tower, residenza del magnate repubblicano mentre altri cortei sono stati organizzati in diverse città americane. Un altro corteo, già battezzato 'marcia da un milione di donne' è prevista a Washington il giorno dell'insediamento di Trump, il 20 gennaio, dopo le rivelazioni su suoi commenti sessisti contenute in un video.

Tafferugli a Portland: un ferito - Sale la tensione durante le proteste anti-Trump a Portland, nell'Oregon. La polizia ha usato lacrimogeni e granate stordenti per disperdere la folla dopo che centinaia di manifestanti hanno marciato in città bloccando il traffico e sporcando i muri con i graffiti. Il corteo è iniziato in maniera pacifica, ma è presto degenerato in atti di violenza dopo che i dimostranti si sono uniti a un gruppo anarchico iniziando a danneggiare auto ed edifici. Durante i disordini, "alcuni oggetti in fiamme" sono stati lanciati contro i poliziotti che hanno risposto con i lacrimogeni e spari: un manifestante è rimasto ferito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali