FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Svizzera, italiano uccide la moglie in strada a Zurigo e poi si suicida

Lʼomicidio-suicidio è avvenuto in pieno centro, davanti alla filiale della banca dove la donna lavorava. Entrambi erano originari della Puglia

Un italiano di 38 anni, Danilo Nuzzo, ha ucciso con colpi di pistola la moglie, Irene Rizzo, di 35 anni, in strada nel centro di Zurigo e poi si è tolto la vita. Entrambi erano originari della provincia di Lecce: lui di Supersano, lei di Ruffano. La coppia, che lascia due figli, viveva nella città svizzera da diversi anni. La tragedia è avvenuta, per motivi non ancora accertati, venerdì sotto gli occhi dei passanti che sono fuggiti terrorizzati.

Zurigo, omicidio-suicidio in pieno centro

La donna era impiegata presso una filiale della banca Ubs. Ed è proprio davanti all'edificio che ospita l'istituto di credito che è avvenuto l'omicidio-suicidio. La donna è morta davanti all'ingresso della banca. A pochi passi da lei, il marito si è tolto la vita dopo averla uccisa.

Uno dei due, riferisce La Gazzetta del Mezzogiorno sull'edizione di Lecce, sarebbe morto sul colpo, l'altro in seguito alle gravi ferite riportate. Sembra che l'uomo avesse trascorso gli ultimi giorni in paese e che proprio il giorno prima della tragedia fosse ripartito per la Svizzera.

In preda al terrore, i numerosi passanti sono fuggiti e hanno cercato di mettersi al riparo, temendo un attacco terroristico. Il luogo della tragedia è stato subito raggiunto da auto e camionette della polizia ed è stato interdetto ai pedoni. Sull'accaduto indagano la procura e la polizia della città svizzera.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali