FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Summit Palermo, Conte: "Lavoriamo per ridurre la distanza tra le parti in Libia"

Il premier italiano ha lanciato un appello per "il dialogo e lʼinclusione" avvertendo che questa è solo la tappa di un lungo percorso

Il premier Giuseppe Conte, alla "welcome dinner" della Conferenza di Palermo, ha lanciato un appello per il "dialogo e l'inclusione" tra i capi delle delegazioni libiche presenti. "Chiedo a tutti, pur nel rispetto delle posizioni di ciascuno, di vivere questa conferenza con uno spirito costruttivo - ha detto -, con il desiderio di lavorare per il bene della Libia e del suo straordinario popolo".

Summit di Palermo, Giuseppe Conte accoglie i capi di Stato

"La Conferenza di Palermo è una tappa di un percorso più ampio che non è iniziato certo oggi e che non finirà domani", ha spiegato il premier italiano. "Il percorso verso la stabilità della Libia è complesso e non prevede scorciatoie o soluzioni miracolistiche". "Dobbiamo essere consapevoli che dopo questo evento rimarranno da superare molti ostacoli - ha continuato -. Tuttavia, ritengo che la vostra partecipazione rappresenti di per sé un segnale estremamente positivo e incoraggiante di attenzione e unità d'intenti".

Bilaterale tra Conte e Haftar - Dopo la cena Conte ha avuto un incontro di circa un'ora con il generale Khalifa Haftar. Durante l'incontro Conte ha affermato che "il compromesso per il bene del popolo è l'arte della leadership e i compromessi si fanno con gli avversari, non con gli amici", citando le parole di Nelson Mandela. Dal canto suo il generale, a quanto si apprende, avrebbe affermato che considera il capo del governo italiano "un amico" e che si "fida molto di lui". Il generale della Cirenaica avrebbe anche affermato che la Conferenza di Palermo e' "un'ottima occasione" per la Libia. Secondo le stesse fonti, il bilaterale tra Conte e Haftar sarebbe andato "molto bene".

Conte ai tre leader della Libia: "Siate i padri nobili del vostro Paese" - "Decidete voi del vostro futuro. Potete essere ricordati come padri nobili di questo nuovo percorso della Libia oppure come coloro che lo avranno fermato". Lo ha affermato, a quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte nel corso della cena di lavoro della Conferenza di Palermo, rivolgendosi al presidente del governo libico riconosciuto dall'Onu, Fayez al Sarraj, al presidente del Parlamento di Tobruk, Aguila Saleh e al presidente dell'Alto Consiglio di Stato Khaled al Meshri.

Martedì previsti incontri tra leader - A differenza da quanto trapelato in un primo momento, alle 8:30 di martedì non è previsto al momento un unico incontro tra il premier Giuseppe Conte, i leader libici Fayez Sarraj e Khalifa Haftar, il premier Dmitri Medvedev, il presidente egiziano Al Sisi, l'inviato dell'Onu Ghassam Salame', il ministro degli Esteri della Francia, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e i leader di Algeria, Tunisia. Dovrebbe trattarsi invece di una serie di incontri, anche se non si esclude un cambio di formato in corso d'opera. 

Medved diserta la cena - Il premier russo Dmitrij Medvedev è arrivato a Palermo per partecipare alla Conferenza sulla Libia ma ha deciso di cenare in un ristorante di Monreale, non partecipando alla cena ufficiale delle delegazioni a Villa Igiea.

Sarraj: "Iniziativa di Palermo è importante" - In un breve scambio a margine della cena di benvenuto a Villa Igiea il premier del governo nazionale libico Fayez Sarraj ha riconosciuto a Giuseppe Conte l'importanza dell'iniziativa di Palermo per la Libia. A quanto si apprende, il premier italiano ha risposto che ora in Libia bisogna fare passi in avanti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali