FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strasburgo, padre e figlia arrestati per un errore alle casse automatiche Ikea

La vicenda raccontata dalla protagonista su Twitter ha suscitato diverse proteste online. Il marchio svedese ha ritirato la denuncia e chiesto scusa

Erano andati all'Ikea per comprare dei barattoli e si sono ritrovati in carcere. E' l'avventura, da dimenticare, di un padre e una figlia di Strasburgo che hanno passato tre ore in cella dopo aver sbagliato a passare degli articoli alla cassa self-service del noto negozio di mobili svedese. La denuncia social di Emilie Guzzo, che ha spiegato l'accaduto su Twitter, ha raggiunto molte condivisioni e suscitato diverse proteste online, al punto che Ikea France ha chiesto scusa per l'accaduto e ritirato la denuncia contro padre e figlia.

I quattro barattoli - In un lungo post su Twitter si legge che la ragazza era andata all'Ikea con il padre. Dopo aver preso ciò che serviva - qualche oggetto per la casa e quattro barattoli di vetro chiusi ciascuno da un tappo, trovati in esposizione sullo scaffale - sono andati alle casse automatiche. Emilie ha passato prima le sue cose che ha pagato subito e poi quelle del padre, tra cui i famosi barattoli. Diretti verso l'uscita padre e figlia vengono fermati alla cassa dall'agente di sicurezza che li avverte che non hanno passato per bene lo scanner sui barattoli. Effettivamente coperchi e vasetti sono venduti separatamente e i due non avevano pagato tutto quello che c'era da pagare. Il padre della ragazza si scusa dicendo che non se ne erano resi conto e che avrebbero pagato subito i coperchi. Dall'agente di sicurezza i due passano nelle mani del direttore del negozio che accusa padre e figlia di essere dei ladri e chiama la polizia.

Dall'Ikea al carcere - Senza avere nessuna possibilità di spiegarsi i due vengono portati in commissariato per furto organizzato. Nell'incredulità più totale Emilie e suo padre vengono separati e messi in due celle diverse. Ma per fortuna cambia il turno in commissariato e un agente più ragionevole ascolta il padre della ragazza e rilascia entrambi dopo tre ore passate in cella.

Le scuse del marchio svedese - Dopo che la questione ha suscitato diverse proteste online Ikea France ha twittato: "Privilegiamo sempre il dialogo e ci rincresce sinceramente per questa situazione. Ci impegniamo a ritirare la nostra denuncia e presentiamo le nostre scuse". La morale della vicenda però è riassunta da Emilie: "Fate attenzione alle casse, passate bene i vostri articoli e non dimenticate che potete andare in custodia per dei barattoli".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali