FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di Istanbul, ancora un nuovo nome per il killer in fuga: sarebbe un uzbeko

Massima cautela delle autorità dopo che nei giorni successivi alla strage erano state diffuse le identità di due persone rivelatesi sbagliate

La polizia turca avrebbe identificato il presunto militante dell'Isis che ha compiuto la strage di Capodanno nel locale Reina a Istanbul. Lo scrivono diversi media locali precisando che si tratta di un cittadino uzbeko di nome Abdulkadir Masharipov. Una cellula jihadista di uzbeki continua a fornire appoggio a Masharipov, che è in fuga e il cui nome in codice sarebbe Abu Muhammed Horasan.

Secondo Hurriyet la cellula Isis di Konya, da dove è partito l'attentatore il 15 dicembre diretto a Istanbul, e che è formata da cittadini uzbeki continua a dare supporto logistico a Masharipov.

Tuttavia le precauzioni sul nome e sull'identità del killer sono d'obbligo dopo che nei giorni immediatamente successivi alla strage erano state diffuse le identità e le foto di due persone che poi si sono rivelate essere sbagliate.

Restano ancora dubbi sulla presenza di un secondo assalitore, come testimoniato da chi era presente alla sparatoria al Reina e dalle immagini della videosorveglianza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali