FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di Berlino, Anis Amri voleva comprare un kalashnikov a Napoli

Secondo lʼanticrimine tedesco, il 3 dicembre il terrorista disse di voler cercare anche unʼarma a Parigi per fare attentati in Germania. La polizia lo segnalò come foreign fighter

A fine novembre Anis Amri, l'attentatore di Berlino, sosteneva di "potersi procurare senza problemi un kalashnikov a Napoli" e di "voler combattere per la sua fede a tutti i costi". E' quanto emerge dal rapporto dell'anticrimine tedesco che indica inoltre come successivamente, il 3 dicembre, Anis disse di voler cercare un'arma a Parigi per fare attentati in Germania.

Sicurezza tedesca era informata sui "progetti jihadisti" di Amri - L'attentatore di Berlino avrebbe fatto le sue confidenze a una fonte fidata della polizia tedesca che, secondo quanto riportato dal Sueddeutsche Zeitung, sarebbe stato costantemente informata su Amri.

"Amri e il suo conoscente parlano molto della jihad. In Siria e altrove. Quello che Amri non sa è che il suo interlocutore non è un islamista, non vuole andare in Siria. E' una persona fidata della polizia", si legge sul giornale tedesco che anticipa il rapporto dell'anticrimine.

Informazioni su Amri sono state sottovalutate - Nonostante i continui aggiornamenti, gli addetti alla sicurezza, come hanno dimostrato i fatti, hanno però sottovalutato le rivelazioni del loro "contatto".

La polizia tedesco lo indicò come foreign fighter - Anis Amri era stato inserito, il 13 ottobre 2016, dalla polizia tedesca nel suo database Inpol come "foreign fighter" e questa valutazione venne poi comunicata a tutti gli Stati Schenghen. A rivelarlo è il quotidinao online Spiegel che cita il rapporto cronologico sulla sorveglianza del tunisino inviato dal ministero dell'Interno tedesco ai deputati del Bundestag.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali