FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Processo a Mosca per terrorismo e rischio ergastolo: cosa succederà ai soldati dell'Azovstal dopo la resa

E' ancora tutto da sciogliere il nodo relativo al destino dei quasi mille combattenti ucraini che si sono arresi alle truppe russe e di quelli ancora asserragliati nello stabilimento

Mariupol, perquisizioni corporali e donne tra i militari: le nuove immagini della resa del battaglione Azov

Il ministero della Difesa russo ha pubblicato un altro video con militari ucraini, tra i quali donne, che lasciano le acciaierie Azovstal a Mariupol e "si arrendono" all'esercito russo. Lo riferisce Interfax. Il filmato mostra i soldati ucraini che vengono perquisiti e messi su alcuni autobus, mentre i feriti vengono spostati in ambulanze. Il convoglio di autobus viaggia con la scorta di un veicolo corazzato russo e un altro della polizia militare russa. Secondo il ministero della Difesa di Mosca, 694 soldati ucraini di Azovstal si sono arresi nelle ultime 24 ore, 959 dal 16 maggio. 

Leggi Tutto Leggi Meno

Il ministero della Difesa russo ha annunciato che da lunedì 959 soldati ucraini, asserragliati nell'acciaieria Azovstal di Mariupol, si sono arresi.

Mentre all'interno dello stabilimento ci sarebbero ancora centinaia di combattenti, tra cui i comandanti di alto grado, è ancora tutto da sciogliere il nodo relativo ai reduci ucraini finiti in mano russa. Secondo alcune fonti, il

Cremlino

avrebbe garantito un trattamento negli standard internazionali, mentre all'interno della

Duma

c'è chi ha chiesto il processo per terrorismo e chi ha proposto di fare per loro un'eccezione alla moratoria sull'applicazione della pena capitale.

 


Kiev: salvare le vite di chi è rimasto nell'acciaieria -

In seguito alla tregua su Azovstal, annunciata da Mosca nel corso dell'82esimo giorno di guerra, lo Stato maggiore dell'esercito di Kiev ha annunciato che la guarnigione di Mariupol "ha compiuto la sua missione", fermando il piano dei russi di conquistare Zaporizhzhia e permettendo così all'esercito ucraino di riorganizzarsi. Poi ha chiesto ai suoi comandanti di concentrarsi sull’obiettivo di "salvare le vite" di chi è rimasto nell'acciaieria. La richiesta è stata quindi accettata dal capo del Battaglione Azov, Denis Prokopenko.


 


La Duma: "Criminali nazisti devono essere processati" -

A quel punto la vicepremier ucraina, Iryna Vereshchuk, ha sostenuto che una volta che le condizioni dei feriti si saranno stabilizzate, "verranno scambiati con prigionieri di guerra russi" e ha assicurato che Kiev sta lavorando "alle prossime fasi dell'operazione umanitaria". Ma questa soluzione sembra al momento difficile da perseguire. "I criminali nazisti non dovrebbero essere scambiati, ma processati", ha detto infatti il presidente della Duma, Vyacheslav Volodin. Mentre la procura generale ha chiesto alla Corte suprema di riconoscere i combattenti di Azovstal come "organizzazione terroristica".



 


 


Le posizioni più oltranziste: dall'ergastolo alla pena di morte -

Ha parlato addirittura di pena di morte, invece, il deputato russo Leonid Slutsky, secondo il quale "le bestie vanno processate, a maggior ragione se si provano i loro mostruosi crimini contro l’umanità. Ribadisco la mia proposta: occorre fare un'eccezione nella moratoria sull'applicazione della pena di morte in Russia", ha scritto sul suo account Telegram. Mentre il deputato della Duma, Sultan Khamzaev si è limitato a chiedere l'ergastolo: "Credo che dopo aver fornito loro le cure mediche necessarie, tutti i nazionalisti dovrebbero essere condannati alla pena più grave per i crimini che hanno commesso".



Quasi mille soldati si sono arresi da lunedì -

Intanto il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha fatto il punto della situazione, precisando che dal 16 maggio sono 959 i militari ucraini dell'acciaieria Azovstal di Mariupol che si sono arresi alle forze russe. Solo nelle ultime 24 ore, i combattenti che hanno deposto le armi sono 694, di cui 29 feriti. "A Mariupol, i militanti dell'unità nazionalista Azov e i militari ucraini bloccati nello stabilimento di Azovstal hanno continuato ad arrendersi", ha sottolineato il portavoce. Secondo Konashenkov, in totale sono 80 i militari ucraini feriti tra quelli che si sono arresi. Incerto è invece il numero dei combattenti ancora all'interno dello stabilimento. "Ci sono ancora molte persone rimaste all'Azovstal e continuiamo i negoziati per farle uscire da lì, ha detto il viceministro della Difesa ucraino Hanna Maliar -. Le trattative sono ancora in corso e speriamo vivamente in un risultato positivo". 



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali