FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Parigi, in migliaia in strada contro la riforma dei treni: scontri

"Lo status quo non è accettabile", ha affermato il premier francese Edouard Philippe

Diverse migliaia di manifestanti sono scese in strada a Parigi per protestare contro la riforma ferroviaria voluta dal presidente Emmanuel Macron. Alcuni dimostranti incappucciati si sono scontrati con i gendarmi, dando vita a disordini. "Lo status quo non è accettabile", ha affermato il premier francese Edouard Philippe. Il corteo è stato organizzato in contemporanea con il primo grande giorno di sciopero dei treni.

Cortei a Parigi contro riforma trasporti: disordini

Alla protesta hanno partecipato anche studenti, dipendenti del sistema sanitario, insegnanti e lavoratori di Air France. Alcuni gruppi di manifestanti hanno incendiato cassonetti e infranto vetrine di negozi, le forze dell'ordine hanno risposto sparando gas lacrimogeni.

"Questa riforma - ha proseguito Philippe - non ha come obiettivo la privatizzazione di Sncf né la chiusura delle piccole linee di provincia. E non vuole neanche condurre un'operazione di rottamazione senza precedenti. Si vuole soltanto aprire l'insieme del sistema ferroviario alla concorrenza". Il premier ha poi definito "ambiziosa" la riforma, secondo lui volta a "fornire un servizio di qualità agli utenti".

"I milioni di francesi che vogliono spostarsi vanno ascoltati. Rispetto gli scioperanti, ma in egual misura rispetto tutti coloro che vogliono continuare ad andare al lavoro", ha aggiunto. Nel giorno in cui masse di pendolari sono rimaste bloccate sulle banchine delle stazioni, il premier ha quindi denunciato uno sciopero "organizzato per arrecare massimo impatto agli utenti".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali