FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La famiglia: "Gli Usa bloccano la verità sulla morte di Giovanni Lo Porto"

Il cooperante era stato rapito da Al Qaeda nel 2012 e fu ucciso nel 2015 durante unʼoperazione americana. Obama se ne scusò, ma il Dipartimento di Giustizia Usa fa muro allʼinchiesta italiana

La famiglia: "Gli Usa bloccano la verità sulla morte di Giovanni Lo Porto"

Non bastarono le scuse dell'allora presidente americano Barack Obama ad aprire uno squarcio di verità sulla morte di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rapito in Pakistan da Al Qaeda nel 2012 e ucciso durante un'operazione americana con i droni nel 2015. Il pm Erminio Amelio si appresta a chiedere, per la seconda volta, l'archiviazione dell'inchiesta, perché il Dipartimento di Giustizia Usa si è opposto alla richiesta di vagliare tutta la documentazione segreta sul caso. "Mina la sicurezza degli Stati Uniti", la motivazione. Ma all'archiviazione la famiglia di Lo Porto si opporrà nuovamente.

Le scuse di Obama, le uniche nella storia delle operazioni militari Usa, dall'Afghanistan alla Somalia, dirette ai familiari delle vittime, e il risarcimento di un milione e 185mila euro non rendono giustizia a Giovanni Lo Porto, che si trovava in Pakistan per una Ong tedesca quando nel 2012 fu rapito da un gruppo vicino ad Al Qaeda insieme al collega americano Warren Weinstein. E con lui rimase ucciso, nel 2015, nel covo dove era tenuto prigioniero, sotto un "signature strike", un attacco cioè in cui i droni colpiscono obiettivi alla cieca.

Così, alla richiesta di avere tutta la documentazione segreta sull'operazione, gli Usa hanno risposto picche. E, come anticipa La Repubblica, per la procura romana "il caso è da archiviare". Ma i legali della famiglia Lo Porto sono convinti che ci siano ampi margini per proseguire le indagini. "Si esplorino altre piste investigative - chiedono. - A partire da una richiesta di rogatoria internazionale nei confronti del Pakistan, dove si è aperto un dibattito pubblico sugli attacchi con i droni".

La famiglia si era già opposta a una prima archiviazione dell'inchiesta, ma la mancata collaborazione da parte degli Stati Uniti porterà a una seconda richiesta da parte del pm. La verità si allontana.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali