FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ong: "Irruzione delle forze libiche sulla nave Nivin, violenze sui migranti"

Secondo Amnesty International, "sono state coinvolte anche le autorità marittime di Italia e Malta". Cinque migranti sono rimasti feriti

Le forze armate libiche "hanno fatto irruzione sulla Nivin, la nave con 79 migranti bloccata da giorni al porto di Misurata. Da parte dei militari ci sono state "violenze" contro i profughi, cinque dei quali sono rimasti feriti e altri "ricondotti a forza nei centri libici". Lo sostiene Mediterranea, Ong impegnata nel monitoraggio delle coste libiche. Secondo Amnesty International, "sono state coinvolte anche le autorità marittime di Italia e Malta".

Il Nivin ha fatto rotta verso la Libia, in violazione del diritto internazionale, dato che quello non può essere considerato un Paese sicuro dove effettuare lo sbarco. I migranti si sono poi rifiutati di scendere e, secondo quanto riferito dal responsabile della sicurezza del porto di Misurata, "sono stati accusati di pirateria". Il responsabile ha inoltre confermato che nell'irruzione "sono stati sparati proiettili di gomma e lacrimogeni".

Amnesty International aveva chiesto alle autorità libiche, europee e panamensi di assicurare che i migranti a bordo non fossero costretti a sbarcare per essere portati in un centro di detenzione libico. Mediterranea ha poi chiesto che "Italia e Ue si assumano la responsabilità dello loro scelte politiche".

L'8 novembre il mercantile Nivin, battente bandiera panamense, ha soccorso nel Mediterraneo centrale un gruppo di migranti e rifugiati, tra cui bambini, che cercava di raggiungere le coste europee.

Ong: "Irruzione delle forze libiche sulla Nivin, violenze sui migranti"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali