FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuova Zelanda: un eroe in moschea ha disarmato lʼattentatore a mani nude prima di morire

Naeem Rashid si occupava della cura della moschea di Linwood. Salvi per un lieve ritardo i giocatori della nazionale di cricket del Bangladesh

Nuova Zelanda: un eroe in moschea ha disarmato l'attentatore a mani nude prima di morire

C'è un eroe nella vicenda della strage più cruenta della storia della Nuova Zelanda, dove un terrorista suprematista ha fatto fuoco in due moschee di Christchurch uccidendo 49 persone. Si tratta di un uomo, Rashid Naeem, che si prendeva cura di una delle due moschee, quella di Linwood: è stato lui a fermare l'attentatore disarmandolo a mani nude. Naeem, ferito gravemente, è morto nella notte in ospedale.

Chi era l'eroe che ha affrontato il killer - L'uomo riuscito a disarmare Tarrant prima di morire, Naeem Rashid, era originario di Abbottabad, in Pakistan, dove lavorava in banca, ma una volta trasferitosi a Christchurch aveva trovato lavoro come insegnante. Nella sparatoria in moschea è stato ucciso anche suo figlio, Talha. Pur ferito gravemente anch'egli, quando si è trovato davanti il killer l'ha affrontato a mani nude ed è riuscito a strappargli il mitra. Rashid ha poi inseguito Tarrant cercando di sparargli con la sua stessa arma, non riuscendo però a trovare il grilletto e dandogli così il tempo di scappare, aiutato dai complici che lo attendevano in auto fuori dalla moschea.

A raccontare le gesta di Rashid Naeem è stato uno dei sopravvissuti, Syed Mazharuddin, che ha parlato con il "New Zealand Herald", dicendo anche che una volta messosi al riparo dopo aver udito gli spari ha visto davanti a sé "il male", l'attentatore intento a portare a termine il suo progetto d'odio. Al contempo è stato testimone del coraggioso intervento del giovane, l'altro lato della medaglia. Nella moschea di Linwood sono state uccise sette persone, 41 in quella di Deans Avenue, attaccata per prima, mentre una persona è morta in ospedale per le ferite riportate.

Tra i sopravvissuti per miracolo alla strage ci sono anche i giocatori della nazionale di cricket del Bangladesh: anche loro attesi in moschea per la preghiera del venerdì, sono arrivati in autobus con 3 minuti di ritardo. I giocatori hanno così sentito gli spari ma sono riusciti a sfuggire alla carneficina, e quindi sono stati rimandati in albergo dai poliziotti. Khaled Mashud, accompagnatore della squadra, ha spiegato che "eravamo a una cinquantina di metri dalla moschea, siamo stati davvero fortunati. Se fossimo arrivati tre o quattro minuti prima, saremmo probabilmente stati all'interno della struttura".

Un rifugiato afghano: "Un uomo è morto tra le mie braccia" - Terribile il racconto alla Cnn di Ahmed Khan che pensava, dopo aver lasciato i suo Paese 12 anni fa, di aver abbandonato anche violenze e morte. Invece Tarrant è entrato proprio nella moschea dove lui stava pregando. "Ho messo al sicuro un bambino ferito e stavo aiutando un uomo ferito al braccio. Gli ho detto di stare calmo, perché era arrivata la polizia. Invece quell'uomo è rientrato passando dalla finestra e gli ha sparato alla testa. Lo ha ucciso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali