FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuova Zelanda, da teenager bullizzata per il peso a candidata a Miss Universo

Amber-Lee Fries, 18 anni, è diventata una delle modelle più richieste del suo Paese e ora punta al concorso mondiale di bellezza

A 16 anni immaginava il suo futuro su una poltrona, con un telecomando in una mano e una bibita gassata in un'altra. Nulla nella vita di Amber-Lee Fries, adolescente obesa all'epoca bullizzata per i suoi 96 chili di peso e per gli occhi a mandorla, lasciava presagire che dopo pochi anni avrebbe calcato in costume e forse - chi sa - con una coroncina sul capo, il palco di uno dei più famosi concorsi di bellezza: Miss Universo. Nulla se non la sua enorme forza di volontà.

La molla del cambiamento per la neozelandese con origini samoane scatta quando, a 18 anni, inizia a lavorare per una società di pubblicità online e, contemporaneamente, si iscrive in palestra. Tra lezioni di aerobica e vogatori, il motto di un allenatore, "se non bruci, non funziona", diviene anche il suo.

"Sentivo tutto il peso del mondo sulle spalle - ha raccontato la giovane al sito New Zeland Stuff - pensavo che presto sarei diventata una signora anziana, arrabbiata e grassa. Poi a un tratto ho capito che non era quello che volevo".

Amber-Lee in meno di sei mesi perde tanti chili, così tanti da poter iniziare una nuova carriera, impensabile per la ragazzina che si nascondeva dietro felpe oversize. Inizia a calcare le prime passerelle e, in poco tempo, diventa una delle modelle più apprezzate e richieste nel suo Paese. Tanto che qualcuno, vedendo le sue foto Instagram, la contatta e le chiede se vuole iscriversi al concorso di "Miss Universo Nuova Zelanda".

"Mi sembrava una cosa così bella e grande da non essere vera - ha spiegato la modella -. All'inizio ho pensato che fosse una truffa. Quando ho capito che non era così, mi sono iscritta".

Dopo l'iscrizione, sono arrivate le selezioni e, con suo grande stupore, nonostante i tanti tatuaggi e piercing, è stata scelta, insieme ad altre 19 ragazze, per rappresentare la Nuova Zelanda nella competizione mondiale.

Ad agosto sfilerà per i giurati di Miss Universo, che potrebbero scegliere anche di incoronarla vincitrice proprio per quella pelle ambrata e gli occhi all'orientale che anni prima le erano costati insulti di ogni tipo.

Per ora ad Amber-Lee già quello appena raggiunto sembra un grande traguardo e l'occasione per lanciare a chiunque sia vittima di bullismo un messaggio importante: "Voglio aiutare le ragazze a vedere tutto il loro potenziale e a seguire programmi per migliorare se stesse. Prima di scrivere gli obiettivi da raggiungere e di impegnarmi con tutta me stessa per riuscirci, mi sentivo come una pecora smarrita, bloccata e impotente. Nessuno dovrebbe mai sentirsi in questo modo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali