FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Notre-Dame, benefattori in frenata: promettono donazioni per 850 milioni, ne versano solo 80

A due mesi dallʼincendio che ha distrutto la cattedrale parigina, si celebrerà la prima messa ma mancano ancora i soldi promessi

A due mesi dal rogo che il 15 aprile ha distrutto Notre-Dame, si celebrerà per la prima volta la messa nella cattedrale parigina. La liturgia sarà solo per poche persone, tutte rigorosamente con il casco di sicurezza, perché la struttura è ancora pericolante. I lavori procedono con lentezza, anche perché, nonostante i proclami dei primi giorni, degli 850 milioni di euro promessi, ne sono arrivati solo il 9%, equivalenti a circa 80 milioni.

Incendio a Notre-Dame, crollano il tetto e la guglia della cattedrale

E pochi di questi soldi provengono dai grandi imprenditori che si erano fatti avanti nei giorni successivi al disastro.

Da François Pinault, capo del gruppo Kering a Bernard Arnault, del gruppo Louis Vuitton Moet Hennessy, tanti i benefattori che avevano promesso fondi per la ricostruzione. Ma per ora, gli unici a farsi avanti, sono i privati che hanno donato con bonifici o assegni. 

 
"I pagamenti saranno effettuati man mano che i lavori progrediscono" dichiarano dal gruppo di Arnault, spiegando come i soldi verranno versati solo quando verranno indette le gare d'appalto. Ma i grandi benefattori non riescono comunque a liberarsi dalle critiche che giudicano le loro promesse solo una strategia di marketing.
 
Secondo "France Info", i donatori attendono solo il vero inizio dei lavori, per accertarsi che non sia lo stato a intascare il loro denaro. Macron assicura che in cinque anni la ricostruzione sarà completata, ma per ora tutto procede a rilento. La prima messa, celebrata nel giorno della Festa della Dedicazione del Tempo, sarà riservata a un piccolo gruppo di religiosi, tra cui l'arcivescovo di Parigi, monsignor Michel Aupetit. I fedeli, per ora, dovranno accontentarsi di vedere la loro cattedrale in televisione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali