FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

New York, cercasi dogsitter per 100.000 dollari l'anno

E' diventato un mestiere redditizio nella Grande Mela quello di occuparsi dei cani degli altri, dopo il boom di adozioni dai rifugi durante la pandemia da Covid

Ansa

Anche 100mila dollari all'anno per portare a spasso il cane degli altri.

Succede a New York dove, dopo il boom di adozioni di cani durante la pandemia di Covid, il mestiere di dogsitter è diventato assai redditizio. In media, a Manhattan una passeggiava di mezz'ora costava al proprietario di un cane 14 dollari, ora si è arrivati a 35 dollari, come riportato dal New York Times.

 

New York, cercasi dogsitter per 100.000 dollari l'anno

 Quello del dogsitter è un lavoro dall'orario flessibile che spesso scelgono gli studenti universitari per arrotondare e pagarsi studi e affitti, anche quelli ormai carissimi, o anche attori, musicisti, scrittori, studenti, e persino pensionati.

 

 

Secondo la non profit American Society for the Prevention of Cruelty to Animals, oltre 23 milioni di famiglie americane hanno acquistato o adottato un animale domestico durante la pandemia.

 

 

Con il ritorno alla normalità e al lavoro in ufficio, dopo la fine delle restrizioni, qualcuno deve pur pensare a portare a spasso i cosiddetti 'pandemic puppies' (cuccioli della pandemia), non a caso quindi quello che era considerato un lavoro per racimolare dollari extra ora è diventato un'occupazione a tutti gli effetti.

TI POTREBBE INTERESSARE

Milano, ecco i cani anti-Covid in grado di "fiutare" i positivi

Due pastori tedeschi addestrati a "fiutare" i pazienti affetti da Covid. E' Il risultato di una sperimentazione iniziata ad aprile e ancora in corso tra l’Università degli Studi di Milano, il centro cinofili  e l'ospedale Sacco. I due cani hanno iniziato fiutando garze impregnate di sudore, prelevato a persone affette da Covid-19 e a soggetti già risultati negativi al tampone molecolare. Contando sulle capacità olfattive degli animali addestrati nel distinguere gli odori, i due cani sono stati indotti a fiutare i pazienti infetti. L'addestramento si è svolto in un'area interna del Sacco, priva di possibili distrazioni e soprattutto esente da potenziali fonti di contaminazione olfattiva. Nel futuro, spiega la professoressa Maria Rita Gismondo, "è auspicabile immaginare non ovviamente una sostituzione agli strumenti che abbiamo, ma un ottimo aiuto e supporto alla sanità pubblica ovunque vi siano ingressi di masse di persone. E' la prima volta che si hanno questi risultati in Europa".

Leggi Tutto Leggi Meno
Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali