CESSATE IL FUOCO

Nagorno, Usa: raggiunto accordo per una nuova tregua umanitaria tra Armenia e Azerbaigian

L'annuncio della Casa Bianca dopo la mediazione nel conflitto che in tre settimane ha causato oltre 4mila morti

26 Ott 2020 - 08:13
1 di 96
© IPA © IPA © IPA © IPA

© IPA

© IPA

Armenia e Azerbaigian si sono impegnati a rispettare dalle 8 locali di lunedì un "cessate il fuoco umanitario" nel conflitto in Nagorno-Karabakh. L'annuncio è stato dato dal dipartimento di Stato Usa in un comunicato congiunto con i governi di Ierevan e Baku, dopo alcuni giorni di negoziati a Washington. Nel conflitto, in oltre tre settimane, secondo il leader del Cremlino Vladimir Putin sono morte più di 4mila persone.

Il vicesegretario di Stato americano Stephen Biegun aveva incontrato sabato i ministri degli Esteri dei due Paesi, rispettivamente Zohrab Mnatsakanyan e Jeyhun Bayramov, che il giorno prima erano stati ricevuti separatamente da Mike Pompeo. Trump era stato perentorio, voleva un successo diplomatico entro il weekend

Non è la prima volta che Ierevan e Baku si impegnano ad una tregua ma essa finora non ha tenuto. La dichiarazione congiunta sottolinea che i due ministri hanno "ribadito l'impegno dei loro Paesi ad attuare e rispettare il cessate il fuoco umanitario concordato a Mosca il 10 ottobre, che era stato riaffermato nella dichiarazione di Parigi del 17 ottobre", in accordo con il comunicato del primo ottobre dei presidenti americano, francese e russo, Donald Trump, Emmanuel Macron e Vladimir Putin.

Washington, insieme a Parigi e Mosca, fa parte del cosiddetto gruppo di Minsk formato in seno all'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione europa (Osce) per mediare in questo conflitto congelato nell'ex Urss, nella regione montagnosa dell'Azerbaigian controllata dai separatisti armeni sostenuti da Ierevan. Ancora un volta gli Usa cercano di ritagliarsi il ruolo di facilitatori di pace, come stanno facendo in Medio Oriente tessendo accordi per la normalizzazione dei rapporti tra Israele e i Paesi arabi. Ma nulla appare possibile nell'orto di casa di Putin senza la sua regia e la sua volontà.
 

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri