FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, lʼUe: "Arrivi in calo, grande risultato grazie allʼItalia"

Il vicepresidente Ue, Frans Timmermans: "LʼItalia e la Commissione lavorano insieme, ma serve la solidarietà da parte di tutti gli Stati"

"E' un bene che di recente i flussi migratori siano diminuiti. Questo è un grande risultato che molto deve all'efficace azione dell'Italia e del governo Gentiloni". E' quanto ha affermato il vicepresidente Ue, Frans Timmermans, aggiungendo: "L'Italia e la Commissione ci lavorano attivamente e congiuntamente ma una soluzione stabile non potrà prescindere da una vera solidarietà di tutti i partner europei".

"L'Europa risponda alle paure o vincerà la paranoia" - "Fino a quando le legittime paure dei nostri cittadini non avranno risposta, ci sarà spazio per la politica della paranoia, dell'intolleranza, della xenofobia, del nazionalismo, dell'esclusione come finta soluzione", ha proseguito Timmermans.

"Non possiamo arrenderci né sottovalutare il rischio di questa sfida", ha sottolineato il vicepresidente Ue in un intervento che ha aperto la seconda giornata del Forum Ambrosetti di Cernobbio (Como) annunciando l'avvio di una nuova fase di riflessione dal discorso sull'Unione.

Timmermans ha messo l'accento sul cambio di clima partendo dal titolo del dibattito, che negli anni passati parlava di dissoluzione e ora di "agenda per cambiare". Il rischio non è certo sparito, ha fatto capire, "ma ora si riparte dalle analisi fatte "a Bratislava e a Roma" dove "i 27 Stati membri hanno riconosciuto che, benché imperfetta, l'Unione rimane il miglior strumento per affrontare le sfide odierne".

Quello che Timmermans ha definito un "nuovo metodo di lavoro" che prevede un "maggiore coinvolgimento" sarà segnato dal discorso sull'Ue che Jean-Claude Juncker terrà il 13 settembre. "Su queste basi alla fine dell'anno - ha evidenziato Timmermans - il Consiglio europeo potrà trarre le prime conclusioni e decidere gli interventi necessari in tempo per le elezioni del Parlamento europeo del giugno 2019 e la Commissione che verrà. Alla fine di questo processo avremo certamente un'Europa diversa. Io credo che potrà essere un'Europa di nuovo orgogliosa delle sue conquiste e capace di forgiare il proprio destino".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali