FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Malesia, 16enne si suicida dopo un sondaggio su Instagram

La giovane ha chiesto ai propri follower se dovesse togliersi o meno la vita e il 69% ha votato per la morte

Malesia, 16enne si suicida dopo un sondaggio su Instagram

Un'adolescente ha lanciato un sondaggio su Instagram per chiedere ai suoi follower se dovesse vivere o morire: il 69% ha scelto la morte e la 16enne si è suicidata. È successo in Malesia, dove la ragazzina di Kuching, ha spiegato la polizia, si è "immediatamente" uccisa dopo aver condotto il sondaggio sul social media. "Molto importante, aiutatemi a scegliere tra D/L", ha scritto, usando le iniziali delle parole "morte" e "vita" in inglese (death e life).

Numerose le reazioni e le polemiche, con l'avvio di un'inchiesta "per evitare altri abusi sul social media in circostanze future simili". L'avvocato della famiglia della giovane ha spiegato che gli utenti che hanno votato in favore della morte potrebbero essere accusati di istigazione al suicidio.

Il caso ha ricordato quello di Molly Russell, adolescente britannica che si suicidò nel 2017 a 14 anni dopo aver visto contenuti su autolesionismo e suicidio su Instagram. La sua morte aveva suscitato un ampio dibattito sull'uso delle reti social da parte di bambini e sul controllo dei contenuti.

A febbraio Instagram, che vietava già tutte le pubblicazioni che incoraggino o promuovano il suicidio o l'automutilazione, ha deciso di vietare le fotografie che mostrano ferite autoinflitte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali