FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Libia, media: "Duemila combattenti siriani al fianco di Al Sarraj" | "Ankara ha promesso la cittadinanza turca"

Avrebbero firmato contratti di sei mesi, da 2.000 dollari al mese, direttamente con il governo di Tripoli

Sono circa 2mila i combattenti siriani, a cui è stata promessa la nazionalità turca, già dispiegati o in procinto di arrivare in Libia a sostegno del governo di accordo nazionale guidato da Fayez Al Sarraj, dopo che Ankara ha accolto il mese scorso la sua richiesta di sostegno militare contro l'offensiva del generale Khalifa Haftar. E' quanto riporta il quotidiano britannico "The Guardian", citando fonti siriane.

Una fonte ha precisato che i combattenti siriani dovrebbero confluire in una divisione che prende il nome dal leader della resistenza libica, Omar al-Mukhtar, giustiziato dall'Italia nel 1931 e diventato una figura molto popolare in Siria durante la rivolta del 2011.

 

Secondo quanto precisato da fonti dell'Esercito nazionale siriano, una coalizione di gruppi ribelli siriani sostenuti da Ankara, i combattenti hanno firmato contratti di sei mesi, da 2.000 dollari al mese, direttamente con il governo di Tripoli, A tutti è stata promessa la nazionalità turca. La Turchia si è anche impegnata pagare le spese mediche per i combattenti feriti e a rimpatriare le salme di quanti cadranno sul terreno.

 

Quattro siriani, riferisce il Guardian, sarebbero già morti in Libia, mentre l'Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito di almeno 14 uomini deceduti. Sia Ankara che Tripoli hanno più volte smentito la presenza di combattenti siriani in Libia. Secondo quanto appreso dal giornale inglese, ai siriani è stato vietato di pubblicare sui social qualsiasi prova della loro presenza in Libia.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali