FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Libia, il giallo della "Brigata 48" che ferma i migranti in partenza per lʼItalia

Il gruppo armato sarebbe capeggiato da un ex boss mafioso e starebbe tentando di ottenere fondi dal governo di Tripoli

Libia, il giallo della "Brigata 48" che ferma i migranti in partenza per l'Italia

Un gruppo armato denominato "Brigata 48" sarebbe in azione da qualche settimana in Libia per impedire alle barche dei migranti di salpare verso l'Italia. Sarebbe questa, quindi, la causa del calo di sbarchi che si è registrato sulle nostre coste negli ultimi due mesi. A luglio gli arrivi dal Nord Africa sono calati del 50% rispetto al 2016. A capo del gruppo, che starebbe cercando di accreditarsi presso il governo di Tripoli, vi sarebbe un ex boss mafioso.

Il gruppo starebbe operando a Sabratha, località usata dai trafficanti di esseri umani per iniziare i pericolosi viaggi nel mar Mediterraneo. Una volta bloccati, i profughi sarebbero rinchiusi in un centro di detenzione. Fonti locali, che hanno chiesto l'anonimato, hanno spiegato che il gruppo è composto da alcune centinaia di "civili, poliziotti, militari" e "lavora a terra, sulla spiaggia, per impedire che i migranti partano su barche dirette in Italia". A capo dell'organizzazione vi sarebbe "un ex boss della mafia".

Le fonti hanno riferito che il gruppo armato gestisce un centro di detenzione per i migranti e che starebbe tentando di ottenere legittimazione e fondi da Tripoli e dal governo di unità nazionale. Se la brigata non dovesse ottenere i finanziamenti potrebbe smettere di operare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali