FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La tragedia di Aylan si ripete: annega bimbo Rohingya di 16 mesi in fuga verso il Bangladesh

Il dramma, avvenuto in Myanmar, risale al 4 dicembre, ma la foto simbolo arriva un mese dopo attraverso la Cnn: le guardie di confine, alla foce del fiume, avrebbero aperto il fuoco sui fuggitivi facendo ribaltare le imbarcazioni di fortuna. Uccisi donne e neonati

La tragedia di Aylan si ripete: annega bimbo Rohingya di 16 mesi in fuga verso il Bangladesh

Prono nel fango, immobile mentre viene lambito dall'acqua del fiume, i vestitini stropicciati. La sua unica colpa, a 16 mesi, è di appartenere alla minoranza musulmana Rohingya, perseguitata in Myanmar (ex Birmania) e costretta a fuggire in Bangladesh attraversando il fiume Naf che divide i due Paesi. Ad attendere i fuggitivi, alla foce, nella notte del 4 dicembre, c'erano le guardie di confine birmane che hanno aperto il fuoco facendo ribaltare le imbarcazioni. Tutti annegati, compresi donne, neonati e bambini. E la foto di Mohammed Shohayet, questo il nome della piccola vittima, ripresa un mese dopo la tragedia dalla Cnn dal media locale rvisiontv.com, ripropone il dramma del piccolo curdo Aylan, trovato riverso sulla spiaggia turca di Bodrum nel settembre del 2015, mentre cercava di raggiungere l'Europa sfuggendo alla guerra siriana.

La foto simbolo della tragedia che sta vivendo nel Nord del Myanmar la minoranza etnica dei Rohingya, di religione islamica, un vero e proprio genocidio per la comunità internazionale, ricorda troppo da vicino quella di Aylan, il piccolo curdo in fuga con la famiglia verso l'Europa attraverso il Mediterraneo e che tra quelle onde trovò la sua fine, nel naufragio del 2 settembre 2015.

Nello scatto, infatti, il neonato Rohingya giace nel fango seminudo e riverso a faccia in giù, divenendo così testimone inconsapevole del dramma dell'immigrazione e delle persecuzioni del suo popolo.

Insieme al cadavere di Mohammed, l'indomani, fu recuperato dai pescatori anche quello del fratellino, della mamma e di uno zio. Alla fine 15 i corpi ritrovati, ma pare ci siano stati anche dei dispersi. Dovevano essere 35, infatti, secondo alcune testimonianze, le persone in fuga verso il Bangladesh a bordo di tre imbarcazioni di fortuna, provenienti dal villaggio YeDwinChaung, nel distretto settentrionale di Maungdaw, nello Stato di Rakhine.

In quest'area sarebbe in corso da ottobre un'offensiva militare, definita dalle autorità "operazione di bonifica": più di 250 sarebbero finora le vittime, centinaia le persone in fuga attraverso il fiume Naf.

I Rohingya sono circa un milione: vivono in Myanmar da decenni, ma sono considerati dal governo dei clandestini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali