FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Spagna legalizza l'eutanasia: è il settimo Paese al mondo | Il premier Sanchez: "Oggi siamo una nazione più giusta, libera e umana"

Potranno usufruirne persone maggiorenni che soffrano di "malattie gravi e incurabili" o di "patologie gravi, croniche, e disabilitanti" 

Via libera del Parlamento spagnolo alla legge sull'eutanasia. Il testo ha ricevuto la sua approvazione definitiva in Senato con 202 voti a favore, 141 contrari e 2 astensioni. La legge entrerà in vigore entro tre mesi facendo della Spagna il settimo Paese al mondo a legalizzare l’eutanasia, dopo Olanda, Belgio, Lussemburgo, Canada, Nuova Zelanda e Colombia. "Oggi siamo un Paese più umano, giusto e libero", ha affermato il premier Pedro Sanchez

"La legge sull'eutanasia, ampiamente richiesta dalla società, diventa finalmente una realtà - ha aggiunto Sanchez -. Grazie a tutte le persone che hanno lottato instancabilmente perché in Spagna fosse riconosciuto il diritto a morire con dignità".

 

L'aiuto a morire entrerà a far parte delle prestazioni del servizio sanitario nazionale e potranno usufruirne persone maggiorenni che soffrano di "malattie gravi e incurabili" o di "patologie gravi, croniche, e disabilitanti" che impediscono l'autosufficienza e che generano "una sofferenza fisica e psichica costante e intollerabile".

 

Pur avendo cambiato nome nel corso del dibattito parlamentare, la misura disciplina sia l'eutanasia, con "somministrazione diretta di una sostanza al paziente da parte del professionista sanitario competente", sia il suicidio medicalmente assistito, "prescrizione o fornitura al paziente da parte dell'operatore sanitario di una sostanza, in modo che possa auto-somministrarla, per provocare la propria morte". 

 

Il testo spagnolo è "più garantista" che altrove, prevedendo una serie di passi che possono prolungare l'iter anche per un mese: la richiesta presentata per iscritto per due volte dalla persona, portata poi dal medico a una commissione incaricata che la farà esaminare a due professionisti e poi approverà o respingerà la valutazione. La commissione indipendente avrà 19 giorni per rispondere. A proporre la misura è stato il gruppo socialista, con la spinta dei familiari delle persone che hanno chiesto aiuto per morire e con il sostegno di un milione di firme. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali