FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, la Croazia riapre le frontiere ai turisti ma non all'Italia

La chiusura di Zagabria arriva dopo quella di Svizzera e Austria. Le porte si aprono per i Paesi in cui i numeri del contagio sono positivi

La Croazia ha riaperto le frontiere senza restrizioni ai cittadini di dieci Paesi Ue, nel tentativo di far ripartire l'industria turistica crollata per la pandemia da coronavirus. Ma i confini restano chiusi con l'Italia. Le porte si aprono invece per dieci Paesi in cui i numeri del contagio sono positivi: Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

Il "no" all'Italia della Croazia arriva dopo quello di Austria e Svizzera. Per tre Paesi che chiudono le loro porte all'Italia ce n'è uno che le riapre. La Cina si avvia a sbloccare i collegamenti internazionali, dopo la stretta decisa a marzo per contenere l'epidemia da coronavirus, lanciando una corsia preferenziale per i voli charter provenienti da 8 Paesi, tra cui l'Italia. Nella lista anche Giappone, Corea del Sud, Singapore, Francia, Germania, Regno Unito e Svizzera.

 

Un'estate da pirati, scorazzando in barca sul nostro mare

A vela o a motore, con amici o in famiglia, ecco uno dei modi migliori per godersi le ferie in tutta tranquillità

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali