FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

LʼItalia sblocca gli immobili sequestrati a Gheddafi ma resta aperta la questione delle azioni del Rais a Piazza Affari

Uffici, alberghi e terreni per un valore superiore a 1,1 miliardi di euro tornano nella disponibilità del fondo sovrano libico Lafico

L'Italia sblocca gli immobili sequestrati a Gheddafi ma resta aperta la questione delle azioni del Rais a Piazza Affari

Nel 2012 - dopo l'attacco Nato contro la Libia - il Tribunale internazionale dell'Aja aveva chiesto e ottenuto alla Guardia di Finanza il sequestro dei beni di Gheddafi in Italia: un patrimonio composto da beni immobili (uffici, alberghi e terreni per un valore superiore a 1,1 miliardi di euro) e da beni mobili (quote azionarie in società del calibro di Eni, Juventus, Fca, Cnh I.). Adesso, dopo sette anni, il Comitato di Sicurezza Finanziaria del Ministero del Tesoro ha sbloccato gli asset immobiliari della famiglia del defunto rais.

I beni immobili scongelati dal nostro Paese tornano adesso nelle disponibilità della Lafico, l'autorità per gli investimenti all'estero voluta da Gheddafi già negli anni Settanta e poi nel 2006 inglobata nella Lia (Lybian Investment Autority). Le ricchezze del dittatore derivavano dall'attività estrattiva del petrolio e spetterebbero quindi al popolo libico, attualmente spaccato in due da una guerra civile senza fine.

Il nodo da chiarire è, infatti, per conto di chi operi la Lia in un paese, la Libia, che vive ancora nel caos, divisa tra i due uomini forti del momento (il generale Haftar e il leader Fayez al-Serraj). Il paese ha due esecutivi, due capitali (Trobuk e Tripoli), due diversi parlamenti, parecchie milizie antagoniste a spartirsi il territorio e due banche centrali. Delle due entità statali, a raccogliere l'eredità della famiglia Gheddafi dovrebbe essere quella riconosciuta da Roma (e cioè Tripoli) ma la partita non è del tutto chiusa.

Nessuna decisione, infatti, è arrivata sulle partecipazioni azionarie del rais. La Lafico detiene infatti, lo 0,58% del capitale di Eni, l'1,26% di Unicredit, il 2% di Leonardo (ex Finmeccanica), l'1,15% della Juventus, lo 0,33% della Fca (ex Fiat), lo 0,33% di Cnh. E queste quote potrebbero non essere state liberate già in questo momento per tendere una mano al generale Haftar.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali