FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Israele, razzi su Tel Aviv: tre morti e diversi feriti, colpito un edificio | Israele bombarda Gaza

Il bombardamento ha investito anche un oleodotto, provocando un vasto incendio. Hamas ha dichiarato di aver sparato 130 razzi "in reazione alla distruzione di un grande edificio a Gaza"

Israele, non si arresta il conflitto: Hamas bombarda Tel Aviv

Tre persone sono morte e diverse altre sono rimaste ferite, alcune in modo grave, durante un bombardamento compiuto da Hamas contro Holon, area urbana a sud di Tel Aviv. I razzi esplosi dalla Striscia di Gaza hanno colpito anche un bus vuoto e un edificio. Tra le vittime figura anche una donna. Nella città israeliana si sono susseguite esplosioni e sirene d'allarme e tutti gli atterraggi all'aeroporto Ben Gurion sono stati annullati. Lo Stato ebraico ha risposto colpendo un edificio a Gaza City.

Il blocco temporaneo dei voli è stato deciso per consentire alle batterie Iron Dome di intercettare i razzi palestinesi in arrivo. Aerei che si accingevano ad atterrare sono stati dirottati verso Cipro. Alcuni velivoli in partenza hanno ricevuto ordine di prendere una lotta a nord di Tel Aviv.

 

 

Hamas: "Sparati 130 razzi su Tel Aviv" - "Come promesso, abbiamo sferrato un attacco contro Tel Aviv. Abbiamo lanciato 130 razzi in reazione alla distruzione di un grande edificio a Gaza", ha annunciato l'ala militare di Hamas, le brigate Ezzedin al-Kassam.

 

"Se Israele vuole un'escalation, siamo pronti" - Hamas si è poi detto "pronto" ad affrontare un'intensificazione degli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza. "Se Israele vuole un'escalation, la resistenza è pronta, se vuole fermarsi siamo pronti anche noi", ha detto il leader Ismail Haniyeh.

 

Colpito un oleodotto ad Ashkelon, vasto incendio - Un razzo sparato da Gaza ha centrato una delle infrastrutture strategiche più importanti di Ashkelon: la pipeline del "Red-Med Land Bridge", che collega il Mediterraneo al porto di Eilat sul Mar Rosso. Immagini televisive hanno mostrato un vasto incendio.

 

Sinagoghe e negozi in fiamme a Lod - Violenti incidenti si sono verificati anche a Lod e a Ramle, cittadine miste nel centro di Israele, con sinagoghe, negozi e auto date alle fiamme da dimostranti arabi. La polizia ha scortato alcuni "residenti ebrei terrorizzati" via dalle loro case.

 

 

Netanyahu: "Hamas e Jihad islamico pagheranno" - "Hamas e la Jihad hanno pagato e pagheranno un prezzo pesante", ha affermato il premier israeliano Benjamin Netanyahu. "Abbiamo colpito centinaia di obiettivi a Gaza, eliminato terroristi, colpite basi di Hamas e torri. Continuaiamo ad attaccare a tutta forza. La campagna militare prenderà tempo, andremo avanti".

 

Israele colpisce un altro edificio a Gaza City - Le forze israeliane hanno distrutto un alto edificio a Gaza City, denominato al-Jawharah. Non si hanno altre notizie al momento. Hamas e Jihad islamico avevano fatto sapere che attacchi di questo tipo avrebbero condotto a nuovi lanci di razzi verso Tel Aviv.

 

Israele invia rinforzi a Lod e in altre città - "Ho parlato con il sindaco di Lod ,Yair Revivo, e l'ho aggiornato sulla decisione di rafforzare immediatamente la vigilanza con le forze di polizia di frontiera". Lo ha dichiarato il ministro della Difesa israeliano, Benny Gantz, aggiungendo: "Nella situazione a cui siamo arrivati, dobbiamo agire con fermezza contro i criminali, raffreddare gli animi e mantenere l'ordine pubblico. In qualità di leader pubblici, abbiamo la responsabilità di calmare la situazione, ed è così che agiremo". Gantz non ha escluso "l'imposizione di un coprifuoco se necessario". Secondo i media, misure straordinarie saranno estese ad altre città.

 

 

007 palestinese ucciso in Giordania - La giornata di violenza ha riguardato anche la Cisgiordania. Nel nord della regione è stato ucciso un palestinese e un altro è stato ferito dall'esercito israeliano. Entrambi erano membri dei servizi segreti palestinesi e sono finiti sotto il fuoco dell'esercito israeliano in un valico militare vicino a Nablus.

 

L'appello degli Stati Uniti: "Basta uccidere i civili" - "Bisogna porre fine alle deplorevoli morti di civili": è l'appello lanciato a israeliani e palestinesi dall'amministrazione Biden, preoccupata per l'escalation tra le due parti in Medio Oriente. Gli Stati Uniti continuano a sostenere la soluzione dei due Stati nel conflitto.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali