FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Gaza, Radio militare israeliana: "Hamas ha rifiutato l'accordo" | Ma dall'Egitto: "Verso annuncio cessate il fuoco"

Gli Usa inviano 53 milioni di dollari in aiuti a Gaza e Cisgiordania. Il Parlamento Ue chiede il "cessate il fuoco immediato e permanente a Gaza"

Fotogallery - Gaza, i palestinesi piangono le vittime del conflitto con Israele

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 145.

Messaggi contrastanti sull'ipotesi di un accordo tra le forze in campo. Secondo Israele Hamas avrebbe rifiutato una proposta definita "sionista" che non va incontro alle richieste di fine guerra, ritorno degli sfollati nel nord della Striscia e liberazione di detenuti palestinesi in cambio degli ostaggi. Ma dall'Egitto assicurano che c'è un'intesa preliminare in vista di un incontro al Cairo per annunciare il cessate il fuoco. Gli Usa inviano 53 milioni di dollari in aiuti a Gaza e Cisgiordania. E nel Mar Rosso una nave da guerra tedesca della missione europea "Aspides" respinge un attacco degli Houthi. Il Parlamento Ue chiede il "cessate il fuoco immediato e permanente".

  • 28 feb

    VIDEO - "Nel primo giorno di Ramadan palestinesi vadano alla Spianata'"

  • 28 feb

    Parlamento Ue: "Cessate il fuoco immediato e permanente a Gaza"

    Il Parlamento Ue chiede "un cessate il fuoco immediato e permanente nella Striscia di Gaza, al fine di garantire ai suoi abitanti un accesso ininterrotto a cibo e acqua". È quanto si legge in un emendamento presentato dal gruppo della Sinistra, nella relazione sulla salvaguardia dei diritti umani contro i regimi autoritari approvato dall'aula a Strasburgo

  • 28 feb

    Gli Usa a Israele: "Lasciate pregare i fedeli ad Al Aqsa"

    Gli Stati Uniti hanno esortato Israele a consentire ai musulmani di pregare nel complesso della moschea di Al Aqsa a Gerusalemme durante il Ramadan, dopo che un ministro di estrema destra ha proposto di vietare ai palestinesi della Cisgiordania occupata di pregare lì.

  • 28 feb

    Israele, ministro Gallant invoca il reclutamento dei giovani ebrei ortodossi

    Un appello al reclutamento degli ebrei ortodossi per sopperire alle difficoltà nate con la guerra contro Hamas è stato lanciato dal ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant. "Ci troviamo in una guerra di un genere che non avevamo conosciuto per 75 anni e ciò richiede decisioni che finora non avevamo preso. Israele è lo Stato del popolo ebraico e la Torah ci ha protetti nei 2.000 anni di esilio. Apprezziamo quanti la studiano, ma senza l'esistenza fisica non c'è esistenza spirituale. Tutte le componenti del popolo devono dare ora il loro contributo. Dobbiamo concordare il reclutamento nel pubblico ortodosso, in numeri crescenti".

  • 28 feb

    Israele va avanti con gli insediamenti in Cisgiordania

    Il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich si è impegnato a continuare ad espandere gli insediamenti nella Cisgiordania, sfidando le pressioni internazionali su Israele affinché smetta di costruire. Smotrich ha annunciato l'approvazione di un nuovo insediamento chiamato Mishmar Yehuda, nel Gush Etzion, un gruppo di insediamenti ebraici situati a sud di Gerusalemme. L'espansione delle colonie "proseguirà con impeto", ha annunciato Smotrich. 

  • 28 feb

    Gaza, Haniyeh: aperti ad accordo ma pronti a combattere ancora

    Il capo di Hamas Ismail Haniyeh, in un discorso televisivo a Beirut e ripreso dai media internazionali, afferma che il gruppo "mostra flessibilità nei colloqui" per un potenziale accordo che vedrebbe il rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza e un cessate il fuoco temporaneo, ma è anche "pronto a continuare a combattere".

  • 28 feb

    Media: "Se intesa su Gaza l'annuncio sarà domenica al Cairo"

    Fonti diplomatiche egiziane citate dal network Al Quds - vicino ad Hamas - hanno riferito che c'è "un accordo preliminare" per tenere un incontro domenica prossima al Cairo per annunciare il cessate il fuoco, se verrà raggiunto una intesa. Il quotidiano del Qatar "Al-Arabi Al-Jadid" - ripreso dai media israeliani - ha detto che c'è una intesa generale sul cessate il fuoco e lo scambio degli ostaggi ma "i dettagli sono ancora un ostacolo".

  • 28 feb

    Sanità Gaza: almeno 29.954 i palestinesi uccisi

    Sono 29.954 i palestinesi uccisi e 70.325 quelli feriti nell'assalto militare lanciato da Israele a Gaza dal 7 ottobre. Lo ha dichiarato il ministero della Sanità di Gaza in una nota. Almeno 76 persone sono state uccise dalle azioni militari dello stato ebraico nelle ultime 24 ore, secondo il ministero guidato da Hamas. 

  • 28 feb

    Usa chiedono a Israele garanzie su uso armi e aiuti umanitari

    L'amministrazione Biden ha concesso a Israele tempo fino a metà marzo per fornire garanzie sul fatto che l'utilizzo delle armi statunitensi fornite rispetterà il diritto internazionale e che lo Stato ebraico consentirà gli aiuti umanitari a Gaza. Lo riporta Axios citando funzionari statunitensi e israeliani. 

  • 28 feb

    Media Israele: Hamas ha detto no alla proposta di accordo

    La radio dell'esercito israeliano ha riferito che Hamas ha risposto negativamente alla proposta di un accordo per un cessate il fuoco temporaneo e il rilascio degli ostaggi. Lo riporta il Times of Israel precisando che non si tratta di fonti ufficiali. Hamas, si legge, avrebbe definito la proposta "un documento sionista" che non parla di porre fine alla guerra, non include un accordo per il ritorno degli sfollati palestinesi nel nord di Gaza e include un numero giudicato non sufficiente di prigionieri palestinesi da liberare in cambio di ostaggi israeliani. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali