FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Iraq, Amnesty denuncia: a Mosul ovest una "catastrofe" per i civili

Persone usate come scudi umani dallʼIsis e vittime degli attacchi della coalizione. Lʼassociazione umanitaria accusa il governo di non aver preso le misure necessarie per proteggere la popolazione

Amnesty International denuncia la "catastrofe" per i civili nella battaglia di Mosul: l'Isis ha usato "intere famiglie come scudi umani" e, sul fronte opposto, le forze irachene e della coalizione a guida Usa hanno utilizzato "armi inappropriate rispetto alle circostanze" ed "in alcuni casi può essersi trattato di crimini di guerra". La denuncia è contenuta in un rapporto che prende in esame il periodo gennaio-metà maggio 2017.

La caduta di Mosul: liberata dallʼIsis

I soldati iracheni festeggiano la liberazione di Mosul, roccaforte dell'Isis.

leggi tutto

Dopo nove mesi di battaglia contro l'Isis, quindi, Mosul è ridotta a un cumulo di macerie. I danni maggiori li ha subiti la città vecchia, non sono stati risparmiati dalla guerra neanche i simboli religiosi: sono oltre 300 le moschee andate distrutte, con i loro minareti. L'annuncio della riconqusita di Mosul è una vittoria importante nella guerra contro l'Isis ma non ne segna certo la fine e di sicuro si lascia alle spalle un conto pesantissimo.

Amnesty chiede che il governo si prenda la responsabilità di riconoscere pubblicamente le vittime civili uccise durante gli scontri fra la coalizione guidata dagli Stati Uniti e gli jhiadisti. L'accusa è che non siano state prese le precauzioni necessarie per difendere la popolazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali