FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Iran, è morto a 138 anni l'uomo più anziano del Paese (e del mondo)

Secondo i documenti pubblicati dallʼagenzia Irna, Ahmad Soufi era nato il 28 febbraio 1882 nel Kurdistan, ben prima della donna riconosciuta come la più longeva, la giapponese Kane Tanaka

Dal Web

E' deceduto l'uomo più anziano dell'Iran, che stando ai suoi documenti ufficiali aveva 138 anni. Lo riporta l'agenzia statale Irna, precisando che è morto "di vecchiaia". Ahmad Soufi, membro della minoranza curda, si è spento a Saqqez, nella provincia occidentale del Kurdistan, vicino al confine con l'Iraq.

Secondo la sua carta d'identità, era nato il 28 febbraio 1882, ben prima della persona ufficialmente riconosciuta come la più longeva a livello mondiale, la giapponese Kane Tanaka, che ha 117 anni.

 

Soufi non era classificato nella lista delle persone più anziane al mondo, dove al primo posto ufficialmente si trova la giapponese. L'agenzia Irna pubblica una copia del suo "chenasnameh" (equivalente al registro di famiglia) e della sua carta d'identità, entrambi riportanti la data di nascita risalente al XIX secolo, che renderebbe l'uomo un contemporaneo del presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt, che morì nel 1945, tre anni prima che venisse istituito il "chenasnameh" del defunto vecchio. I curdi sono noti in Iran per avere diversi centenari.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali