FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

In Spagna è turismofobia: "Meglio i rifugiati"

Da Barcellona a Palma di Maiorca si allarga la protesta dei residenti stanchi delle orde di vacanzieri che invadono il centro: si teme la "sindrome di Venezia". Ecco perché

"Tourist go home", "turista torna a casa": da Barcellona a Palma di Maiorca si leggono frasi di questo tenore sui muri delle città spagnole che protestano contro l'invasione dei vacanzieri (75 milioni in Spagna nel 2016; se ne prevedono 80 per il 2017), mentre marciano per dare il benvenuto ai rifugiati. In Spagna è turismofobia: pur se gli stranieri rappresentano il 12% del Pil spingendo il Paese fuori dalla crisi, i residenti temono la "sindrome di Venezia": centri storici disabitati per far posto a orde di bus, affitti illegali e confusione. E con l'estate il "problema" si acuisce.

Da Barcellona a Palma di Maiorca: via i turisti, meglio i rifugiati

Boom di turisti e malumore dei residentiNel 2012 furono 57 milioni; nel 2016 75 e per il 2017 si arriverà a contarne 80 milioni: se da una parte l'economia ride, dall'altra gli spagnoli "piangono" e alzano muri contro i turisti, come riporta La Stampa. "Non si affitta a turisti" è il lenzuolo che sventola alle finestre di Barceloneta, l'ex quartiere dei pescatori di Barcellona. E ancora cartelli sulla Rambla: "Il turismo uccide", "No ai bus turistici". Ma perché tutto questo livore contro chi sta risollevando il Paese incentivando anche l'occupazione?

I motivi della turismofobiaArrivano con navi da crociera e voli low cost a congestionare la vita quotidiana dei residenti. E d'estate si registra anche l'invasione delle auto dei vacanzieri. Insopportabili, infine, per gli spagnoli, la giungla degli affitti in nero e il proliferare di camere e alberghi al posto delle abitazioni. Lo stesso Comune catalano ha cercato di correre ai ripari, soprattutto contro l'illegalità, ponendo una serie di restrizioni, finora con pochi benefici per gli abitanti. E al turismo di massa si preferisce l'accoglienza agli immigrati, con marce e mobilitazioni in tutto il Paese, fino alla capitale, Madrid.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali