FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il massacro di Bucha, il sindaco: "Un cittadino su dieci durante l'occupazione è stato fucilato dai russi"

 In esclusiva a "Zona Bianca" Anatoly Fedoruk: "Eravamo in 5.300, ora siamo poco più di 3mila" 


"

Un cittadino su dieci durante l'occupazione è stato fucilato

, giustiziato in modo cinico dai russi". A parlare in esclusiva a "

Zona Bianca

" è

Anatoly Fedoruk

, il

sindaco di Bucha

la città del massacro in 

Ucraina

, dove migliaia di civili sono stati uccisi durante l'occupazione dell'esercito russo. "Io ero nascosto in una casa privata all'incrocio di via Lekacacisca e Shevchenko e

ho visto l'esecuzione di un'auto piena di persone che cercava di evacuare

. Erano civili - racconta il sindaco - che stavano cercando di muoversi verso Kiev: erano sulla via di fuga. I russi hanno sparato contro l'auto e l'uomo dentro supplicava di non uccidere la moglie incinta, ma hanno sparato a sangue freddo e l'hanno uccisa".



Il sindaco a

Rete 4

prova a descrivere la situazione di Bucha durante l'occupazione russa: "Per i civili era molto pericoloso uscire per le strade, soprattutto nelle vie principali della città dove erano posizionate le colonne delle truppe.

I russi sparavano contro le auto, contro le persone a piedi, contro quelle che si muovevano in bicicletta

", racconta Fedoruk che poi commenta la foto di

Vlad

, il bambino di 6 anni che ha portato un succo di frutta sulla tomba della madre. "

Noi aiuteremo in ogni modo possibile questo bambino, ma non potremo ridargli suo padre e la sua mamma.

Sua madre è morta perché non poteva avere le cure mediche di cui necessitava. Non è riuscita a lasciare i sotterranei, la cantina. Se uscivi venivi ucciso perché è questo quello che faceva l'esercito russo". 


 


Quando ha capito che le truppe russe avevano lasciato Bucha il sindaco racconta di aver lasciato subito il luogo dove si nascondeva: "Ero a 700 metri dall'amministrazione comunale, ho attraversato il parco, la strada, sono arrivato fino al comune e dopo ho registrato un video.

Dopo un mese di occupazione quella era un'ottima notizia

, quando è stata trasmessa, però, - considera il sindaco -

 nessuno poteva immaginare questo orrore, questo massacro

". Solo in un secondo momento Anatoly Fedoruk ha capito cosa fosse successo durante l'occupazione russa. "Dovete capire che nella via Yablonska questi corpi sono stati lì non per uno, due o tre giorni, ma per moltissimo tempo", spiega il sindaco che infine conclude: "

A Bucha c'erano 5.300 cittadini, ora siamo poco più di 3mila. Noi Ricostruiremo tutto, ma le vite umane non possiamo farle tornare

". 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali