FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Belgio trema, massima allerta terrorismo Bruxelles: chiusi negozi, metro e cinema

Unʼintera città blindata a causa di una "minaccia grave e imminente". La polizia cerca due uomini che avrebbero una bomba. Secondo i media, uno potrebbe essere il terrorista Salah

Il Belgio trema, massima allerta terrorismo Bruxelles: chiusi negozi, metro e cinema

Il Belgio ha innalzato al livello massimo l'allerta terrorismo a Bruxelles, dopo gli ultimi fermi a seguito degli attacchi di Parigi. Caccia a due uomini che avrebbero una bomba. La città è blindata e le linee della metropolitana resteranno chiuse almeno fino a lunedì. Il premier Charles Michel: "C'è il rischio di attentati simili a Parigi". Il sindaco di Bruxelles ha raccomandato la chiusura di centri commerciali, negozi e caffè. Sospese le attività pubbliche.

Il Belgio trema, massima allerta terrorismo Bruxelles: chiusi negozi, metro e cinema

Nella regione federale di Bruxelles, formata da 19 comuni, è stato decretato il livello d'allerta 4, il più alto in assoluto. IL resto del paese resta a livello 3, salvo il sobborgo vallone di Vilvoorde noto per l'alta densità di giovani radicalizzati. E' la prima volta nella storia del Belgio. Quella che fino a ieri era la città più multietnica del continente, si svuota.

Chiusa la metro - I blindati dell'esercito vengono schierati a protezione degli obiettivi. Scatta il blocco delle quattro linee della metropolitana e dei tram con percorsi sotterranei. Tutte le 69 stazioni della metro vengono chiuse. Il premier Charles Michel in una conferenza stampa annuncia che c'è rischio di "molteplici attacchi" come a Parigi.

Protetti i quartieri storici - Il borgomastro della città, Yvan Mayeur, suggerisce la chiusura dei negozi nel "pentagone" ovvero il centro storico, in Chausse'e d'Ixelles, a Porte de Namur e nel Quartier Louise. Sono le zone dove vive la maggior parte di funzionari, giornalisti, lobbisti e diplomatici che lavorano nelle istituzioni europee. Le autorità comunali raccomandano, ma non ordinano, la chiusura dei centri commerciali e il blocco di tutti gli eventi pubblici. Sale da concerto, il centro visitatori del Parlamento europeo, l'Atomium simbolo della città, grandi sale cinematografiche, partite di calcio, mercati all'aperto: tutto chiude. Johnny Hallyday, che fino a venerdì diceva che avrebbe cantato comunque, si arrende. Vie che in un sabato pomeriggio qualsiasi straboccherebbero di gente sono deserte.

Una città sotto coprifuoco - In poche ore Bruxelles diventa una città sotto coprifuoco. Ma a Molenbeeck e Anderlecht, i negozi restano tutti aperti. Le strade dello shopping e della 'movida' bruxellese sono pattugliate. Squadre composte da un poliziotto e due militari, tutti con giubbotti antiproiettili e armi automatiche, battono le vie del Quartier Louise.

Milioni di euro vanno in fumo. Dominique Michel, ad della federazione dei commercianti (Comeos), attacca "l'improvvisazione" del governo: "Ci sono troppe incertezze. Siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità, ma prima dobbiamo essere coinvolti nelle decisioni". E nella Grande Place, piazza icona di Bruxelles, un gruppo di operai con l'aiuto di tre gru completa l'allestimento dell'albero di Natale guardati a vista da un blindato dell'esercito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali