FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Guerra in Siria, "Ad Aleppo sembra tutto terribile, ma cʼè speranza"

A Tgcom24 la lettera di padre John Luke Gregory, frate missionario dellʼ"Associazione pro Terra Sancta" che, insieme a padre Bruno, è stato nella città siriana e racconta la situazione attuale

Ecco il testo della lettera:

Padre Bruno ed io, padre John Luke Gregory, siamo stati ad Aleppo la scorsa settimana, dal 13 al 17 gennaio. Non siamo andati alla sezione orientale, siamo stati soprattutto nel centro, circondato dalla distruzione. Abbiamo sentito lanciare missili e le loro esplosioni, ma da quello che potevo capire tutto avveniva fuori dalla città. Ora Aleppo è nelle mani delle truppe governative, c'è un certo ordine ma alcune strade principali sono state completamente cancellate. Sono rimasto sorpreso nel vedere un netturbino al lavoro. In alcuni edifici, per la maggior parte distrutti, alcune persone sono tornate nelle loro abitazioni. Si vedeva persino la roba lavata e appesa sui balconi,  le finestre pulite! Era davvero molto surreale, eppure è la speranza di una pace duratura, che permette alle persone, almeno, di cercare di tornare alla normalità. Hanno veramente tanto coraggio!

"Ad Aleppo sembra tutto terribile, ma cʼè speranza"

Sono stato molto toccato dalla loro determinazione e da una tranquilla cordialità mentre camminavamo nelle strade in mezzo a tanta devastazione e credete, le fotografie non possono dimostrare del tutto la distruzione massiccia della città. La città di Homs era lo stesso, tanta distruzione! Credo che noi fossimo gli unici stranieri in città. Non abbiamo visto nessun altro per tutto il tempo che siamo stati lì. I nostri frati e le suore hanno fatto e fanno davvero un ottimo lavoro! I due ospedali cattolici sono rimasti sempre aperti. Ci sono punti di controllo per ogni chilometro. I soldati sono molto cordiali ed educati. Essi sono abituati a vedere i francescani a piedi che visitano i poveri e raccolgono i bambini portandoli agli asili nido e al catechismo. Ora c'è la speranza che i bombardamenti si siano fermati. Sembra tutto terribile, ma c'è speranza. C'è anche tanta misericordia e compassione. Si dice che abbiamo mostrato coraggio e determinazione ad andare a visitare i nostri frati e la gente in Siria, però meritva di certo stare vicino a loro nonostante il pericolo. Vorrei, infatti, ritornare di nuovo! 

 Padre John Luke Gregory 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali