FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gilet gialli, guerriglia a Parigi | Macron: vergogna per gli aggressori

I manifestanti hanno dato fuoco a cassonetti e barricate e gli agenti hanno lanciato lacrimogeni. Oltre 100mila i dimostranti in tutta la Francia, 8mila a parigi. Arrestate 130 persone

Dopo quasi otto ore di guerriglia tra i gilet gialli e gli agenti, gli Champs Elysées a Parigi sono stati evacuati e la situazione sta gradualmente ritornando alla normalità. La portavoce della prefettura, Johanna Primevert, ha spiegando che il bilancio finale di una giornata di disordini e scontri è di venti feriti tra i manifestanti e quattro tra i poliziotti. Si contano poi 42 arresti a Parigi e 130 in tutta la Francia.

Lacrimogeni sugli Champs Elysées - I lacrimogeni e il fumo delle barricate incendiate hanno invaso gli Champs-Elysées per tutto il giorno, con le manifestazioni dei gilet gialli sfociate in violenti scontri. È stata una giornata carica di tensione quella scelta per il "secondo atto" delle mobilitazione dai manifestanti che si oppongono all'aumento dei costi del carburante e più in generale al carovita.

A Parigi il dispositivo di sicurezza era massiccio, mentre la protesta era stata autorizzata solo al Champ-de-Mars, ai piedi della Tour Eiffel, dove erano stati previsti barriere e cordoni di sicurezza. A metà mattina però alcuni gruppi, riconoscibili dai gilet giallo fluo, si sono rapidamente spostati verso gli Champs-Elysées, nonostante i cordoni di polizia antisommossa e i gendarmi che vietavano il passaggio a una vasta zona attorno al vicino palazzo presidenziale.

Macron nel mirino dei manifestanti - I dimostranti scandivano slogan come "Macron dimissioni" e "Macron ridacci la grana". Un cordone di polizia è stato sfondato in fretta dalla folla che voleva raggiungere place de la Concorde, già in zona vietata. Poi la situazione è degenerata: giovani con i volti coperti hanno cercato lo scontro, lanciando fumogeni e oggetti di ogni tipo contro gli agenti, dalle bottiglie ai sampietrini. La polizia ha risposto con lacrimogeni e cannoni ad acqua e i disordini sono proseguiti per ore, arrivando anche sotto l'Arco di Trionfo. Delle barricate, tirate su in mezzo alle strade dai gilet gialli, sono state incendiate e i vigili del fuoco sono intervenuti per spegnerle. Altri cortei a Parigi sono stati pacifici, così come nel resto del Paese. Secondo i dati ufficiali in tutto i gilet gialli sono stati 106.301, di cui 8mila a Parigi. Pochi in confronto ai 282.710 di sabato scorso, alla stessa ora.

Francia, gilet gialli alla "conquista" di Parigi

Irruzione dei gilet gialli nella casa di una deputata di En March - C'è stato anche un attacco diretto a un'esponente politica: venerdì sera una quarantina di gilet gialli con il volto coperto da passamontagna o caschi hanno fatto irruzione nella casa di famiglia di una deputata di En Marche, Mireille Robert, nel sud-ovest della Francia, vicino a Tolosa. La proprietà viticola della deputata, a Limouz, in una zona molto isolata, è stata invasa dai manifestanti che hanno minacciato i presenti e dato fuoco ad alcune tavole prima di fuggire. "Gesto ignobile", ha twittato Benjamin Griveaux, portavoce del governo.

Macron: "Grazie alla polizia, gli aggressori si vergognino" - Al termine della giornata, dopo che la polizia è riuscita a evacuare gli Champs Elysées, il presidente Emmanuel Macron ha twittato: "Grazie alla nostre forze dell'ordine per il coraggio e la professionalità. Vergogna per quelli che le hanno aggredito. Vergogna per chi ha provato a intimidire dei politici. Non c'è posto per queste violenze nella Repubblica".

Attacco alla Le Pen - Ed è scoppiata anche la polemica politica: all'origine una frase del ministro dell'Interno, Christophe Castaner, che ha accusato la leader dell'estrema destra, Marine Le Pen, di aver invocato le violenze. Castaner ha parlato della "mobilitazione dell'ultradestra" tra i manifestanti nel centro di Parigi, dove le forze dell'ordine hanno dovuto "respingere i sobillatori" che "hanno risposto all'appello di Marine Le Pen e vogliono mettersi contro le istituzioni".

La leader del Rassemblement National gli ha risposto subito: "Avevo chiesto al governo perché non desse ai gilet gialli l'autorizzazione a manifestare sugli Champs-Elysées. Oggi Castaner usa questa domanda per colpirmi. È patetico e disonesto". Tra i commenti dell'opposizione, critica verso il governo, anche quello di Jean-Luc Mélenchon, leader del movimento di sinistra France insoumise: il ministro dell'Interno, ha dichiarato, "vorrebbe che la protesta dei gilet gialli fosse dell'estrema destra e poco numerosa. La verità è che è la manifestazione massiccia del popolo. E questa è la fine per Castaner".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali