FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, la sentenza di un tribunale: "Definire 'pelato' un uomo è molestia sessuale"

Secondo il tribunale, l'uso della parola potrebbe essere "intrinsecamente correlato al sesso" e costituire una forma di discriminazione

Istockphoto

Definire "pelato" un collega maschio "è molestia sessuale".

Lo ha stabilito un tribunale del lavoro del

Regno Unito

dopo che un uomo, l'elettricista Tony Finn, ha citato in giudizio una piccola azienda familiare con sede nello Yorkshire, dove aveva lavorato per quasi 24 anni, per licenziamento ingiusto e molestie sessuali. Tra le altre cose, Finn ha accusato un collega di averlo chiamato un "grasso e calvo ca...o". Secondo il tribunale, l'uso della parola potrebbe essere "intrinsecamente correlato al sesso" e costituire una forma di discriminazione. Lo riporta Bloomberg.

Il caso -

 Tutto è iniziato nel luglio del 2019, quando Finn aveva discusso con il suo superiore in officina. Una lite che era quasi sfociata in violenza. È in questa occasione - come specifica il Daily Mail - che il collega lo aveva definito un "ca...o calvo".


 


L'accusa ha portato la giuria, composta da tre membri uomini, a decidere se commentare la sua calvizie fosse semplicemente un insulto o effettivamente una molestia. "È difficile concludere diversamente. Quelle parole sono state pronunciate con lo scopo di violare la dignità del ricorrente e creare per lui un ambiente intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo", si legge nella sentenza. Finn ha anche vinto la causa sul licenziamento ingiustificato.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali