FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, finisce la battaglia legale per il 12enne in coma: respinto l'ultimo ricorso | I genitori: "Muoia in un hospice"

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo ha infatti respinto il ricorso della famiglia e si è dichiarata incompetente a intervenire rispetto a quanto stabilito dalla giustizia britannica

La battaglia legale per rinviare lo stop al sostegno vitale che tiene in vita Archie Battersbee, il 12enne inglese in coma da mesi al London Royal Hospital dopo essere stato trovato privo di conoscenza in casa il 7 aprile scorso, è giunta al termine.

L'ultimo tentativo dei genitori di ottenere una proroga è caduto infatti nel vuoto mercoledì sera a Strasburgo, dove la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha respinto il loro ricorso della famiglia e si è dichiarata incompetente a intervenire, rifiutandosi di "interferire" con quanto stabilito dalla giustizia britannica. Ora i genitori del 12enne hanno presentato un ricorso all'Alta corte di Londra per ottenere il trasferimento di Archie all'interno di un hospice in cui possa ottenere una "morte più degna".

 


La mamma: "L'Italia lo avrebbe accolto" - 

Come riportano i media britannici,

Hollie Dance

, la mamma del ragazzo, ha fortemente criticato il sistema sanitario e giudiziario inglese e ha raccontato che vi sarebbero state strutture messe a sua disposizione "in Paesi come Italia e Giappone" per continuare a garantire sostegno al bambino. Ma, ha denunciato, il suo trasferimento all'estero non è mai stato preso in considerazione.


 


La donna ha affermato che la battaglia legale per rinviare lo stop al sostegno vitale che tiene in vita il figlio è "giunta al termine" ed è rassegnata all'epilogo. La madre tenta comunque di insistere, come si legge sul sito della Bbc, almeno per ottenere il trasferimento di Archie. Per questo si è rivolta all'Alta corte di Londra presentando un ricorso per spostare il figlio in una struttura vicino a casa, in modo da staccare la spina lì e non in ospedale. I medici dell'ospedale londinese hanno però sconsigliato il trasferimento. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali