FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, dopo il ricovero per Covid e il coma scopre che la moglie è morta per il virus: "L'ultimo ricordo di lei è che chiamò l'ambulanza per me"

Mick Senior dalla contea di Manchester ha trovato a casa ad attenderlo, dopo sei mesi d'ospedale, solo le due figlie di 16 e 12 anni, che hanno visto la madre, Beth Lau, morire dopo aver contratto anche lei il coronavirus

Facebook

"Mi hanno detto: 'tua moglie è morta' e al funerale io non c'ero.

E' stato devastante e mi ha sconvolto, il mio è stato un viaggio dall'inferno". Così Mick Senior, dipendente di un grossista di servizi alimentari nella Contea di Manchester, in Gran Bretagna, ha scoperto dopo sei mesi d'ospedale, tra ricovero e coma per Covid prima e per ictus poi, di aver perso la sua compagna di vita, Beth Lau, madre delle sue due figlie, Faye, 16 anni, e Sophie, 12. La donna aveva contratto il coronavirus dopo di lui, ma in poco tempo è deceduta, in casa. "L'ultimo ricordo che ho di lei è quando chiamò per me l'ambulanza", ha raccontato Mick Senior ai media britannici.


 


All'inizio del 2021 l'uomo è risultato positivo al Covid. Da qui, come racconta, parte il suo "viaggio dall'inferno": "Era un fine settimana e stavo portando mia figlia dalla Scozia a Ellesmere Port: è stato allora che il Covid ha preso il sopravvento. Mia moglie ha chiamato un'ambulanza e tutto ciò che ricordo era di essere stato in ospedale. Sono gli ultimi ricordi che ho prima di essere in terapia intensiva".


 


Tre settimane di terapia intensiva e l'ictus che arriva quando i sanitari tentano il suo risveglio. "Ho avuto un ictus quando hanno cercato di portarmi fuori dal coma, - continua Senior, - ciò significava che dovevo rimanere in ospedale molto più a lungo. Non mi sono reso conto fino al momento del risveglio completo che mia moglie non c'era più. Per tutto il tempo ho pensato: 'Torno a casa'".


 



 


Così quando l'uomo è finalmente tornato a casa, "ha iniziato ad aprire gli armadi e a vedere gli oggetti che gli ricordavano sua moglie, e questo per lui è stato incredibilmente sconvolgente", aggiunge Street.
 


Nell'abitazione di Farnworth, dove pensava di riabbracciare finalmente tutta la famiglia, ad aspettare il suo ritorno, infatti, erano rimaste solo le figlie, Faye e Sophie, anche loro seguite da specialisti. "Entrambe, infatti, - conclude Street, - avevano assistito a orrori che nessun bambino dovrebbe mai conoscere: la mamma deceduta in casa e non avere idea di cosa riservi il futuro".


 


La maggiore, Faye, è diventata una caregiver a tempo pieno per suo padre. "E' stato davvero difficile ed è davvero difficile adattarsi, - ha commentato. - Io e mia madre eravamo molto legate. La notte in cui l'ho persa ero così scioccata. Non pensi mai davvero che succederà a te. Ero sconvolta e arrabbiata e mi chiedo ancora: 'Perché proprio a noi?'. E oggi ci sono io al suo posto a prendermi cura di papà".


 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali