FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gb, Alfie Evans come Charlie Gard: battaglia legale della famiglia per tenere il figlio in vita

Il bimbo ha una misteriosa patologia. I medici dellʼAlder Hey Childrenʼs Hospital si sono rivolti allʼAlta Corte inglese per "staccare la spina"

Alfie Evans come Charlie Gard. Diverse storie, ma stesso destino. Anche la famiglia Evans (Thomas e Katie), come i genitori di Charlie, stanno affrontando una battaglia legale per tenere il proprio figlio ancora in vita. Alfie - 18 mesi - ha una misteriosa patologia. I medici dell'Alder Hey Children's Hospital di Liverpool, dove il bimbo è ricoverato, si sono rivolti all'Alta Corte inglese per "staccare la spina". "Esaurite tutte le opzioni", dicono. Ma i genitori non ci stanno: "Stiamo vivendo un incubo. Avevamo trovato un ospedale in Italia disposto ad accogliere Alfie". Migliaia di persone hanno preso a cuore la situazione del bimbo e come per Charlie si è costituita una "Alfie’s army".

La malattia - Il piccolo Alfie è in coma dallo scorso dicembre. Non è ancora chiaro di cosa soffra esattamente. Per questo, i genitori hanno cercato a tutti i costi un ospedale che potesse fare una diagnosi precisa al bimbo e, di conseguenza, curarlo. Ma l’Alder Hey si è rivolto all’Alta Corte perché i medici pensano che non ci siano più speranze. "Credono che la vita di nostro figlio sia inutile - ha scritto Thomas Evans, padre del bambino, sulla pagina Facebook di sostegno - Abbiamo bisogno di tutto il vostro supporto".

La decisione dell’ospedale - La decisione dell’Alder Hey arriva dopo mesi di accese discussioni tra l’ospedale e i genitori. “E’ devastante. Siamo così contrariati - ha dichiaratoThomas al Liverpool Echo - Non stanno dando una chance a nostro figlio, lo stanno ignorando”. “Perché dovremmo portarlo in un hospice quando c’è un ospedale disposto ad accoglierlo? - continua il papà del piccolo Alfie - Un dottore si è offerto volontario, voleva capire meglio la situazione di nostro figlio, ma i medici dell’Alder Hey si sono rifiutati di parlare con lui”. “Capiamo la situazione drammatica in cui si trova la famiglia - hanno fatto sapere dall’ospedale - Ma, sfortunatamente, nonostante l’impegno dei nostri dottori, non è possibile salvare tutti i bambini”.

L’"Alfie’s army" - Sono tantissimi i componenti della "Alfie’s army" (quasi 30mila solo su Facebook). I sostenitori della famiglia Evans sperano che si possa trovare una soluzione e che il piccolo possa rimanere in vita ed essere curato, dopo un’accurata diagnosi, che ancora manca. L’"army" ha anche organizzato una raccolta fondi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali