FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Frasi Di Maio sulla Francia: Parigi convoca lʼambasciatore italiano

Il vicepremier ha accusato Parigi di "non aver smesso di colonizzare lʼAfrica" e di "stampare una moneta, il franco delle colonie, con cui finanzia il proprio debito pubblico". Moscovici: "Parole irresponsabili"

Frasi Di Maio sulla Francia: Parigi convoca l'ambasciatore italiano

L'ambasciatore d'Italia in Francia, Teresa Castaldo, è stato convocato al ministero degli Affari Esteri francese per un chiarimento sulle affermazioni di Luigi Di Maio, che ha accusato Parigi di "impoverire l'Africa" e aggravare la crisi dei migranti usando il "franco delle colonie per finanziare il suo debito pubblico". Per la Francia "osservazioni inaccettabili e inutili", mentre il vicepremier contrattacca: "Non è un caso diplomatico, ma la verità".

Interrogato sulla questione migratoria durante il suo tour elettorale in Abruzzo, Di Maio aveva puntato il dito contro Parigi e invitato l'Unione europea a "sanzionare i Paesi come la Francia che stanno impoverendo gli stati africani", spingendo le persone a fuggire verso l'Europa. Fonti diplomatiche francesi hanno definito le esternazioni del vicepremier "ostili e senza motivo visto il partenariato della Francia e l'Italia in seno all'Unione europea" e sottolineato che "vanno lette in un cotesto di politica interna italiana".

All'attacco anche il Partito democratico. "Le dissennate dichiarazioni di Di Maio -  si legge in una nota del capogruppo Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, e del capogruppo dem in Commissione Esteri, Alessandro Alfieri - rischiano di aprire una guerra diplomatica con un Paese storicamente alleato e nostro vicino. Domani alla conferenza dei capigruppo, il Pd chiederà l'immediata convocazione in Aula del ministro degli Esteri Moavero, del tutto scomparso in questa fase. Qualcuno deve far capire a Di Maio che non è più un ragazzo che sta sui tetti di Montecitorio, ma il vicepresidente del Consiglio".

Di Maio: "Non è un caso diplomatico, è la verità" - "Io non credo che sia un caso diplomatico, io credo che sia tutto vero", ribadisce Di Maio dopo la convocazione dell'ambasciatore. "La Francia è uno di quei Paesi che stampando la moneta per 14 Stati impedisce lo sviluppo e contribuisce alla partenza dei profughi - tiene il punto il vicepremier -. Se l'Europa in questo momento vuole avere un po' di coraggio, deve avere la forza di affrontare il tema della decolonizzazione. Noi abbiamo acceso un faro di verità".

Moscovici a Di Maio: "Frasi irresponsabili" - "Alcune dichiarazioni vengono fatte per uso nazionale, somigliano a provocazioni, perché il contenuto è vuoto o irresponsabile, per cui è preferibile evitare di cedere alla provocazione". Così il commissario agli Affari economici Ue Pierre Moscovici commenta le parole del vicepremier Di Maio. "La qualità delle relazioni tra la Francia e l'Italia è importante. Mi auguro che si possa presto superare questa fase conflittuale che trovo negativa e priva di senso. Le provocazioni di solito squalificano chi le fa", sottolinea.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali