FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Francia, nuove proteste dei gilet gialli: diversi feriti a Parigi | Oltre 100 arresti

Diverse persone sono rimaste ferite davanti al Museo DʼOrsay, dove si è fermato uno dei cortei. Macron: "Attacco violento alla repubblica"

Nuovo sabato di tensione tra polizia e i gilet gialli in Francia. Gli agenti hanno usato i lacrimogeni a Beauvais, a nord di Parigi, e a Montpellier per disperdere le manifestazioni, mentre a Saint Malo la polizia ha fatto sgomberare i dimostranti che impedivano l'accesso al porto, fermando due persone. A Beauvais, dove si trova uno degli aeroporti della regione parigina, la polizia ha usato i gas per impedire al corteo di raggiungere il centro.

Diversi feriti a Parigi - Diverse persone sono rimaste ferite davanti al Museo D'Orsay a Parigi, dove si è fermato uno dei cortei. Lo riferiscono media d'oltralpe. Secondo i manifestanti, i feriti, soccorsi dal personale paramedico presente sul posto, sono stati colpiti dalla polizia con i cosiddetti "flash ball", proiettili non letali, nel momento in cui si trovavano nei pressi di un barcone in fiamme sulla Senna.

Oltre 100 persone arrestate - In totale sono state fermate 103 persone e per 101 di loro il fermo è stata trasformato in arresto. Quello di oggi è l'"atto VIII" della protesta contro il presidente Emmanuel Macron, iniziata il 17 novembre scorso come un movimento contro l'aumento della tasse sui carburanti.

Ufficio del governo sfondato con scavatrice - Un gruppo di 15 persone, alcune con indosso i gilet gialli, ha invece sfondato con una scavatrice la porta del ministero dei rapporti con il parlamento dove ha sede l'ufficio del portavoce del governo. Benjamin Griveaux, portavoce dell'esecutivo, e alcuni suoi collaboratori sono stati evacuati dalle forze di sicurezza.

Macron: "Un'estrema violenza ha attaccato la repubblica" - "Ancora una volta un'estrema violenza ha attaccato la repubblica, i suoi guardiani, i suoi rappresentanti, i suoi simboli". Lo ha scritto via Twitter il presidente francese Emmanuel Macron commentando la nuova giornata di proteste contro il governo. "Chi compie queste azioni dimentica il nocciolo del nostro patto civico. Giustizia sarà fatta", ha affermato Macron.

Nell'ottavo sabato 25mila manifestanti - Secondo la polizia oggi in tutta la Francia hanno manifestato in 25mila, molti meno dei 282mila del primo sabato di proteste, ma un po' ovunque si sono registrati scontri e tensioni con la polizia. A Parigi sono stati dati alle fiamme, auto, motorini e bidoni dell'immondizia, e sono state erette barricate in boulevard Saint-Germain.

Tensione vicino all'Assemblea nazionale - Scontri tra manifestanti e polizia anche a pochi metri dall'Assemblea nazionale. Le forze dell'ordine hanno infatti usato i lacrimogeni per bloccare il corteo che tentava di passare sul "Leopold Sedar Senghor", ponte pedonale sulla Senna.

Cortei a Bruxelles - Manifestazioni anche a Bruxelles, dove si è radunato un corteo di poche decine di gilet gialli. Lo ha reso noto la portavoce della polizia di Bruxelles-Ixelles, Ilse Van de keere, precisando che la manifestazione, a Rue Belliard a ridosso del centro storico, si sta svolgendo tranquillamente. Piccoli cortei sono stati organizzati anche in altre città del Belgio a Namur, Charleroi, Louvain, Anversa e Hasselt.

Francia, nuove proteste dei gilet gialli: polizia usa i lacrimogeni

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali