FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Turchia, Erdogan: "In arrivo 80mila sfollati dalla Siria. Non possiamo farci carico di questo fardello"

A seguito dei raid russi e governativi, unʼondata migratoria si è diretta verso la frontiera. Il premier turco: "Un nuovo flusso sarebbe avvertito da tutti i Paesi europei"

Sono oltre 80mila gli sfollati dalla provincia di Idlib, nel nord-ovest della Siria, che si sono diretti nell'ultima settimana verso la frontiera con la Turchia, a seguito dei raid russi e governativi. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, avvisando che Ankara "non si farà carico da sola di questo fardello di migrazioni".

Colloqui tra Russia e Turchia - Una delegazione turca sarà in giornata in Russia proprio per discutere della situazione a Idlib, dove vivono, in tutta la provincia, quasi tre milioni di persone. Idlib è l'ultima grande regione in Siria ancora controllata da combattenti e jihadisti ribelli che avversano il regime di Bashar al Assad. "Decideremo i passi da fare sulla base dell'esito dei colloqui. Gli effetti negativi di questa pressione su di noi saranno avvertiti da tutti i Paesi europei, specialmente dalla Grecia", ha aggiunto Erdogan.

 

I rifugiati siriani in Turchia - Secondo il premier, infatti, "la Turchia non è in grado di gestire una nuova ondata di rifugiati dalla Siria". La Turchia ospita più di tre milioni e mezzo di rifugiati siriani, la più grande popolazione di rifugiati del mondo. Un nuovo flusso, ha sottolineato il premier, sarebbe avvertito da tutti i Paesi europei. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali