FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Egitto, dalla necropoli riemergono rare mummie di gatti e scarabei "in ottimo stato di conservazione"

Centinaia di animali ritenuti sacri dagli antichi egizi erano stati sepolti a sud de Il Cairo: tra loro anche un cobra e due coccodrilli

Così sacri da essere ben custoditi e venerati pure da morti, tanto da arrivare intatti fino a noi. Decine di mummie di gatti, di scarabei, di un cobra e di due coccodrilli sono state rinvenute nelle necropoli a sud de Il Cairo, da una missione archeologica egiziana. Si tratta di un'importante scoperta per la rarità della sua collezione. Tra i reperti, infatti, ci sono le "prime mummie di scarabei a essere state dissotterrate nella necropoli di Menfi in ottimo stato di conservazione", come si legge su un post nella pagina Facebook del ministero delle Antichità egiziano.

Egitto, a Saqqara nuova scoperta di mummie di gatti e scarabei

Sono in tutto sette le tombe rupestri di Antico e Nuovo Regno che successivamente, in Epoca Tarda, furono riutilizzate per deporre mummie di gatti, serpenti, coccodrilli e addirittura scarabei, donate come ex voto agli dei. Oltre 200 gli animali imbalsamati, compresi i gatti stretti in bende o inseriti in statuette di legno dorato. "Due grandi mummie di scarabei" - continua la nota del ministero - sono state rinvenute in "sarcofago rettangolare di calcare", avvolte nel lino e "in un ottimo stato di conservazione".

A Saqqara la missione ha scoperto tre tombe del Nuovo Regno usate come "necropoli di gatti". Sono state dissotterrate "decine di mummie di gatto assieme a cento statue lignee dorate" raffiguranti i felini adorati dagli antichi egizi. E' stata trovata anche una statuetta in bronzo dedicata a Bastet, la divinità con sembianze di gatto.

Sono state riportate alla luce, infine, anche statuette lignee dorate di un leone, di una mucca e un falcone.

Tra gli oggetti che troveranno posto al Museo Egizio de Il Cairo, anche 30 vasi in ceramica, un migliaio di amuleti, stele funerarie, tavole d’offerta, tre canopi in alabastro, ceste e corde intrecciate con fibre vegetali, maschere di sarcofago, un poggiatesta, papiri iscritti in ieratico e demotico e tavolozze da scriba che conservano ancora gli stili e l’inchiostro nero e rosso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali