FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, la Cina annuncia due farmaci ma le autorità internazionali frenano

I medicinali sarebbero stati utilizzati in alcuni test in vitro da un team di ricercatori della Zhejang University. Nuovo contagio a Wuhan, a Pechino vietate le cene di gruppo

Un team di ricercatori della Zhejiang University ha scoperto due farmaci efficaci contro il coronavirus. La notizia è stata data dalla tv cinese Cgtn, secondo cui i test preliminari hanno rivelato che due medicinali, Abidol e Darunavir, sono in grado di neutralizzare il virus. L'esperto di malattie infettive Massimo Galli però gela gli entusiasmi: una cura contro il coronavirus è ancora lontana. E anche l'Oms frena. 

A guidare la squadra è stata Li Lanjuan, nota epidemiologa cinese, impegnata nella lotta al nuovo morbo. La ricercatrice ha portato personale medico dalla provincia del Zhejiang nella provincia centrale dell'Hubei, quella dalla quale si è propagato il virus, proprio con l'obiettivo di sviluppare il trattamento per i pazienti. 

Lanjuan ritiene invece poco efficace il Kelizhi, un medicinale anti-Hiv attualmente utilizzato per combattere la malattia, e sottolinea che presenta anche effetti collaterali. E raccomanda quindi di inserire i due farmaci individuati nel programma della Commissione nazionale sanitaria per il trattamento dei pazienti infettati.

 

Coronavirus: Galli, cure ancora molto lontane La cura contro il coronavirus è ancora lontana: si sta lavorando con farmaci già noti, ma i test in vitro non sono sufficienti per trarre alcuna conclusione: Lo ha affermato l'esperto di malattie infettive Massimo Galli, dell'Università di di Milano e primario dell'ospedale Sacco, commentando l'annuncio fatto oggi in Cina secondo cui due antivirali possono inibire il coronavirus 2019-nCoV, basato su test in vitro. "In una situazione così critica - ha rilevato Galli - si lavora con quello che si ha". 

 

Oms frena su nuovi farmaci: non ci sono terapie note L'Oms, l'organizzazione mondiale della Sanità, frena sulle notizie provenienti dalla Cina sull'individuazione di due farmaci che sarebbero in grado di curare il nuovo coronavirus. "Non ci sono terapie efficaci conosciute contro questo 2019-nCoV", ha detto un portavoce dell'Oms al Financial Times.

 

Nuovo contagio in due quartieri di Wuhan Nuovo allarme coronavirus, nel frattempo, a Wuhan. Secondo l'emittente Cctv, i residenti di due quartieri della città cinese, finora rimasti sostanzialmente estranei all'epidemia,  avrebbero manifestato sintomi della malattia. Ad essere interessati dal potenziale contagio gli abitanti di 33 blocchi su 55 del quartiere di Anjuyuan e gli abitanti di 17 blocchi su 36 del quartiere di Baiheyua. Al momento non si hanno ancora stime sull'effettivo numero di contagiati.

 

Pechino mette al bando le cene di gruppoPechino, intanto, ha messo al bando le cene e gli eventi di gruppo a causa del coronavirus. L'ordinanza "tassativa" vieta "agli operatori di catering, ristoranti inclusi, di organizzare cene di gruppo durante la fase di prevenzione e di controllo dell'epidemia". Pechino è l'ultima città a prendere una misura del genere dopo il contagio che ha colpito su vasta scala due quartieri di Wuhan per la partecipazione di migliaia di persone a un grande banchetto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali