FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Trump vuole riaprire l'America: "In 15 giorni decido"

Negli Usa si registrano oltre 500 morti: per la prima volta è stata superata la soglia di 100 decessi in un giorno

"Se fosse per i medici il mondo intero sarebbe chiuso", invece Donald Trump vuole "riaprire l'America". E riaprirla in tempi brevi: in 15 giorni potrebbe decidere un allentamento delle regole, anche quelle sul distanziamento sociale così da spianare la strada alla riapertura delle imprese. L'obiettivo è evitare che "la cura sia peggio della malattia", dice il presidente americano riferendosi all'economia contagiata dal coronavirus.

Trump illustra la sua posizione dal palco della Briefing Room della Casa Bianca, dal quale spicca l'assenza di Anthony Fauci, la massima autorità negli Usa in fatto di malattie infettive. Sui social in molti si chiedono dove sia finito il "virologo in chief" e molti collegano l'assenza alla sua intervista critica, quella durante la quale ha ammesso che in alcune occasioni avrebbe strappato il microfono a Trump per non sentirlo parlare del coronavirus.

 

Il presidente Usa minimizza: "Non è presente perché non parliamo delle cose di cui è esperto". Poi chi lo incalza su cosa Fauci pensasse della riapertura dell'America, Trump dice: "Capisce il costo enorme per il nostro Paese". Invece di Fauci accanto al presidente americano c'è il ministro della Giustizia William Barr, per spiegare gli sforzi del suo Dipartimento contro il caro-prezzi sulle forniture mediche.

 

Trump quindi prosegue nello spiegare come i costi economici della chiusura degli Stati Uniti sono enormi, da qui la sua fretta per riaprirli. "Più si sta fuori, più difficile è la ripresa", dice. Ma anche a fronte di un'apertura in tempi record un piano di stimoli da 2mila miliardi di dollari è necessario.

 

"Dobbiamo aiutare aziende come Boeing, e poi serve dare una spinta all'economia. Comunque quando ripartirà volera'", aggiunge il presidente Usa che si è intrattenuto telefonicamente con il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "E' stata una telefonata produttiva. L'ho apprezzato per l'ottimo lavoro che sta facendo per combattere il coronavirus, sfruttando la ricerca medica, coinvolgendo il settore privato sulle forniture mediche essenziali, il potenziamento dei test, l'educazione del pubblico", twitta il direttore generale che con Trump in passato ha avuto dei dissapori.

 

Intanto i casi di coronavirus negli Stati Uniti balzano a 42.200, con 520 morti. E' la prima volta in un singolo giorno che i morti superano le 100 unità. Nella sola città di New York è concentrato il 60% dei casi di Covid-19 dello Stato di New York e il 35% di quelli negli Stati Uniti. Nella Grande Mela ci sono 12.339 casi e 99 morti.

 

Coronavirus, in California scatta l'ordine di restare a casa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali