FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, la Cina si scusa con il medico-eroe morto di Wuhan: "Punirlo è stato un errore"

Già a dicembre 2019, Li Wenliang aveva notato in sette pazienti un virus simile a quello dello Sars. Ma le autorità locali lo misero a tacere

La polizia di Wuhan si scusa per il trattamento riservato al medico-eroe Li Wenliang. Il dottore fu il primo a lanciare l'allarme sul coronavirus e in seguito morì proprio per aver contratto il Covid-19. Il 34enne fu accusato di "diffusione di false informazioni su internet". L'Ufficio di pubblica sicurezza della città focolaio ha ora scritto in una nota che sul caso "ci furono applicazione errata della legge e procedure irregolari".

Le scuse arrivano dopo le conclusioni della National Supervisory Commission, secondo cui "l'azione della polizia non fu appropriata". 

 

Già da dicembre 2019, Li Wenliang aveva notato sette casi di un virus che gli ricordava la Sars all'ospedale di Wuhan dove lavorava. Aveva tentato, senza successo, di avvertire i colleghi, di condividere l'allarme che quei casi sospetti avevano suscitato, ma le autorità locali gli fecero capire che era il caso di smetterla.

 

E allora raccontò la sua storia sui social, pubblicando una sua foto sul letto dell'ospedale in cui si trovava intubato proprio a causa del coronavirus. Ma ormai per il medico-eroe non c'era più nulla da fare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali